Svizzera: Matrimoni e nascite in calo nel 2019

Movimento naturale della popolazione nel 2019. Matrimoni e nascite in calo nel 2019.

I dati definitivi della statistica del movimento naturale della popolazione realizzata dall’Ufficio federale di statistica (UST) per il 2019 confermano la progressione del numero di decessi (+1,0%) e di divorzi (+2,1%) annunciata in febbraio in occasione della pubblicazione delle cifre provvisorie. Mettono anche in evidenza la diminuzione del numero di nascite (–1,9%) e di matrimoni (–4,3%) rispetto al 2018. Nei vari Cantoni si registrano tendenze simili.

Nel 2019 sono state annoverate 1700 nascite in meno rispetto al 2018. Un tale calo, praticamente del 2%, non si registrava dal 1998, fatta salva la distorsione provocata dalla revisione della statistica nel 2001. L’oscillazione dei dati relativi ai matrimoni tra un anno e l’altro, invece, è molto maggiore.

Meno nascite e più decessi.

Nel 2019 sono state registrate 86 200 nascite, contro le 87 900 del 2018. Il calo di nascite, riscontrato sia tra le madri svizzere che tra quelle di nazionalità straniera, è più marcato tra queste ultime (–2,5% contro il –1,5% delle Svizzere). Il numero medio di figli per donna ha segnato una lieve flessione, passando da 1,52 nel 2018 a 1,48 nel 2019. Non così nei Cantoni di Neuchâtel (+0,8%), Argovia (+1,4%), Glarona (+1,5%), Appenzello Interno (+3,0%) e Giura (+3,8%), dove le nascite, invece sono in aumento.

Calando le nascite di primi figli tra le donne sposate di meno di 30 anni (–6,9%) e aumentando in particolare tra quelle di 30–34 anni (+1,3%), l’età media delle madri alla nascita del primo figlio progredisce di conseguenza e si attesta provvisoriamente a 31,1 anni contro i 30,9 del 2018.

Nel 2019 sono decedute 67 800 persone, ovvero 700 in più rispetto all’anno precedente (+1,0%). Queste cifre si riferiscono al periodo precedente la pandemia di COVID-19. L’aumento riguarda sia gli uomini che le donne di nazionalità svizzera (rispettivamente +1,5% e +1,1%). Nella popolazione straniera, invece, il numero di decessi diminuisce, tra gli uomini in maniera più marcata rispetto alle donne (rispettivamente –1,4% e –0,2%).

L’88% delle persone decedute sono anziane, cioè di età pari o superiore ai 65 anni. Tra il 2018 e il 2019 si osserva una progressione del numero di decessi tra le persone da 65 a 79 anni (+2,9%) e tra quelle di 80 o più anni (+1,5%). Nella maggior parte dei Cantoni i decessi tendono al rialzo, contrariamente a Ginevra, Basilea Città, Neuchâtel, Lucerna, Giura, Appenzello Interno, Grigioni, Zugo, Svitto, Vaud, Uri e Soletta, dove se ne constata un calo.

Rispetto all’anno scorso, l’incremento naturale di 18 400 persone risultante dalla differenza tra nascite e decessi è in calo (–11,4%), pur continuando a contribuire alla crescita demografica della Svizzera.

In calo i matrimoni e le unioni domestiche registrate.

Nel 2019 sono stati celebrati 39 000 matrimoni, ovvero il 4,3% in meno rispetto al 2018. Nel 72% dei casi si tratta di primi matrimoni, che uniscono due persone mai sposatesi prima. L’età media al primo matrimonio è di 32,3 anni per gli uomini e 30,1 anni per le donne. Si osserva una diminuzione sia del numero di matrimoni tra celibi e nubili (–3,6%) sia tra chi si sposa in seconde o altre nozze (– 3,9%), nonché in tutte le fasce di età, tranne che tra le donne di 40–44 anni e tra quelle di più di 49 anni (rispettivamente +0,8% e +1,9%).

Sul piano Cantonale, solo i Grigioni (+0,1%), Turgovia (+0,4%), Obvaldo (+1,6%), Basilea Campagna (+2,2%), Uri (+2,9%), Sciaffusa (+3,9%), Appenzello Esterno (+10,4%) e Appenzello Interno (+21 matrimoni, pari a +36,2%) registrano un aumento dei matrimoni.

Dal 2010 il numero di unioni domestiche registrate oscilla intorno al 700. Non fa eccezione il 2019, anno in cui quasi 700 coppie dello stesso sesso hanno optato per l’unione domestica registrata, in calo del 3,7% rispetto al 2018. La flessione è più netta per le coppie di donne (–7,3%) che per quelle di uomini (–1,4%). La contrazione delle unioni si osserva solo in 10 Cantoni, più precisamente in quelli di San Gallo, Vaud, Svitto, Ginevra, Argovia, Lucerna, Basilea Città, Neuchâtel, Zugo e Appenzello Interno. In Appenzello Esterno, nei Grigioni e in Turgovia, invece, il numero di unioni domestiche registrate rimane stabile, mentre in tutti gli altri Cantoni è in aumento.

Più divorzi, ma meno scioglimenti di unioni domestiche registrate.

Nel 2019 sono stati pronunciati 16 900 divorzi, che corrispondono a un incremento del 2,1% rispetto all’anno precedente. Il numero è in aumento per i matrimoni durati 10 o più anni (+4,0%), segnatamente per quelli durati tra i 15 e i 19 anni (+5,1%). Il numero di divorzi rimane invece stabile tra le persone sposate da meno di cinque anni e diminuisce tra quelle il cui vincolo è durato dai cinque ai nove anni (–2,0%). Di conseguenza la durata media di un matrimonio al momento del divorzio aumenta, passando da 15,2 anni nel 2018 a 15,4 anni nel 2019.

Se il comportamento della popolazione osservato nel 2019 dovesse confermarsi in futuro, secondo una stima provvisoria due matrimoni su cinque (41,1%) potrebbero concludersi con un divorzio. È diverso solo nei Cantoni di Vallese (–0,3%), Giura (–0,6%), Neuchâtel (–4,4%), Lucerna (–4,6%), Ginevra (–6,3%), Glarona (–12,1%), Basilea Campagna (–13,4%), Soletta (–15,6%) e Appenzello Interno (–9 divorzi, pari a –36,0%), dove i divorzi segnano una flessione.

Nel 2019 sono state sciolte 200 unioni domestiche registrate, ossia il 2,9% in meno rispetto all’anno precedente. Sebbene la diminuzione degli scioglimenti sia più rilevante tra le coppie di uomini rispetto a quelle di donne (–3,6% contro –1,5%), tra le prime sono più frequenti. Nove Cantoni presentano un calo: Zurigo, Basilea Città, Vaud, Ticino, Berna, Soletta, Svitto, Grigioni e Sciaffusa. In Turgovia e nel Giura il numero di scioglimenti di unioni domestiche registrate rimane stabile. Uri, Obvaldo, Glarona e Appenzello Interno non registrano alcun caso.

Informazioni complementari, come tabelle, si trovano nel PDF seguente: Matrimoni e nascite in calo nel 2019.

Link Consiglio Federale Svizzero.

Lascia un commento