Decisione della Commissione della concorrenza sui movimenti per orologi a Swatch

Decisione COMCO sui movimenti meccanici ETA.

La Commissione della concorrenza (COMCO) non impone un nuovo obbligo o una restrizione di fornitura al Gruppo Swatch dopo aver esaminato accuratamente il mercato dei movimenti meccanici Swiss made per orologi. La filiale ETA del Gruppo Swatch resta però dominante sul mercato.

Alla fine del 2013, la COMCO ha approvato una conciliazione con il Gruppo Swatch. Questa prevedeva che la filiale ETA SA Manufacture Horlogère Suisse (ETA) doveva continuare a rifornire i clienti di allora fino alla fine del 2019 con determinate quantità di movimenti meccanici per orologi. La conciliazione mirava a creare incentivi per lo sviluppo di una concorrenza sufficiente e per la ricerca di fonti di approvvigionamento alternative da parte dei clienti entro la fine del 2019. Alla fine di questo termine non ci sarebbe più stato alcun obbligo di fornitura.

Siccome si sono costatati degli indizi che il mercato dei movimenti meccanici Swiss made non si era sviluppato come previsto, la COMCO ha aperto una procedura di riesame. Le approfondite analisi della COMCO mostrano ora che il mercato ha risposto agli incentivi stabiliti nel 2013 e che i rapporti di concorrenza si sono ampiamente concretizzati come anticipato. Ad esempio, i clienti di ETA hanno ampliato le loro fonti di approvvigionamento.

Sulla base di un’approfondita valutazione, la COMCO è giunta alla conclusione che a ETA non sono da imporre nuovi obblighi. La filiale di Swatch resta però in una posizione dominante sul mercato dei movimenti meccanici Swiss made ed essa rimane quindi soggetta al controllo del diritto sui cartelli.

La decisione della COMCO può essere impugnata davanti al Tribunale amministrativo federale.

Ulteriori informazioni sono contenuti nel fascicolo per la stampa. Alle ore 09.30 avrà luogo al Centro Media di Palazzo federale un Point de Presse nel corso del quale le seguenti persone saranno a disposizione per delle domande.

Link Consiglio Federale Svizzero.

Lascia un commento