Svizzera: nuovo mandato e nuovo responsabile della task force Covid-19

Swiss National COVID-19 Science Task Force: adeguato il mandato e nomina di un nuovo responsabile.

La Confederazione intende avvalersi del parere scientifico di esperti indipendenti del panorama universitario e della ricerca anche durante la «situazione particolare» prevista dalla legge sulle epidemie. La Segreteria generale del Dipartimento federale dell’interno (DFI) e l’Ufficio federale della sanità pubblica hanno pertanto adeguato il mandato della «Swiss National COVID-19 Science Task Force» (SN-STF), istituita durante la «situazione straordinaria». Dal 1° agosto 2020 la task force sarà peraltro guidata dal prof. Martin Ackermann, esperto in microbiologia al Politecnico di Zurigo e all’Istituto di ricerca sulle acque (Eawag). Il prof. Ackermann subentra al prof. Matthias Egger, che pur rimanendo attivo come esperto della SN-STF, tornerà a concentrarsi sulla sua carica di presidente del Consiglio nazionale della ricerca del Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica (FNS) e di docente di epidemiologia all’Università di Berna.

Nel contesto della pandemia di COVID-19, a fine marzo 2020 lo stato maggiore di crisi del Consiglio federale (KSBC), l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI) hanno istituito l’organo scientifico consultivo «Swiss National COVID-19 Science Task Force» (SN-STF). Ora che si è conclusa la fase della «situazione straordinaria» e che è stato sciolto il KSBC, è venuta a mancare la base originaria della SN-STF.

L’UFSP continuerà a svolgere i compiti sanciti dalla legge sulle epidemie nel quadro della «situazione particolare», tra cui figurano tra l’altro il coordinamento interdipartimentale e il ricorso a perizie scientifiche. Di conseguenza il DFI e l’UFSP hanno adeguato il mandato quadro conferito alla «Swiss National COVID-19 Science Task Force» allo scopo di garantire una consulenza scientifica indipendente da parte degli esperti coinvolti nella SN-STF.

A partire dal 1° agosto 2020 la SN-STF sarà inoltre guidata dal prof. Martin Ackermann, esperto in microbiologia al Politecnico di Zurigo e all’Istituto di ricerca sulle acque (Eawag) e in precedenza vice-presidente dell’organo consultivo che coordina i lavori della task force. Quest’ultima continuerà ad annoverare esperti indipendenti del panorama universitario e della ricerca, nelle discipline pertinenti.

Il Consiglio federale esprime profonda gratitudine alla «Swiss National COVID-19 Science Task Force» e in particolare al suo responsabile uscente per i servizi resi. In futuro il prof. Matthias Egger rimarrà un esperto della task force, ma tornerà a concentrarsi sulla sua carica di presidente del Consiglio nazionale della ricerca del Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica (FNS) e di docente all’Università di Berna. Sotto la sua guida, negli scorsi tre mesi la task force composta da oltre una sessantina di esperti ha risposto in chiave scientifica alle domande delle autorità con più di una quarantina di «policy briefs». Grazie a questo impegno volontario e gratuito la task force ha fornito un considerevole supporto allo stato maggiore di crisi del Consiglio federale nel processo decisionale COVID-19.

Sulla base di questo nuovo mandato la task force continuerà a predisporre le basi scientifiche per poter controllare e risolvere la situazione COVID-19 in Svizzera.

Link Consiglio Federale Svizzero.

Lascia un commento