Coronavirus: la Svizzera prolunga le misure temporanee di protezione nel settore dell’asilo

Coronavirus: prolungate le misure temporanee di protezione nel settore dell’asilo.

Berna, 26.08.2020 – A inizio aprile il Consiglio federale ha adottato misure volte a proteggere la salute di tutti gli attori coinvolti nella procedura d’asilo. In tal modo ha assicurato la protezione da un contagio da coronavirus e al contempo il mantenimento delle funzioni centrali del sistema dell’asilo al fine di poter continuare a svolgere le procedure d’asilo e di allontanamento. Nella seduta del 26 agosto 2020 il Consiglio federale ha prolungato la validità della pertinente ordinanza fino a fine giugno 2021.

La salute di tutte le persone coinvolte nella procedura d’asilo ha la massima priorità. A inizio aprile il Consiglio federale ha pertanto adottato misure mirate concernenti in particolare lo svolgimento delle audizioni e la garanzia di capacità sufficienti nei centri della Confederazione. Nella pratica le misure si sono dimostrate efficaci.

Al momento, in base alla situazione attuale non è possibile prevedere per quanto tempo le misure di lotta all’epidemia debbano restare in vigore. Nella seduta del 26 agosto 2020 il Consiglio federale ha pertanto deciso di prolungare la validità dell’ordinanza COVID-19 asilo fino al 30 giugno 2021. Se la futura evoluzione dell’epidemia di coronavirus dovesse rendere inutili le misure previste dalla suddetta ordinanza, il Consiglio federale potrà abrogare le pertinenti disposizioni già prima della scadenza.

Con la legge COVID-19 l’ordinanza COVID-19 asilo otterrà una base legale. Se il Parlamento dovesse respingere la legge (o il suo art. 4, che disciplina il settore dell’asilo e degli stranieri), l’ordinanza cesserà di essere in vigore.

Link Consiglio Federale Svizzero.

Lascia un commento