Svizzera: in settembre i prezzi al consumo sono rimasti stabili

In settembre i prezzi al consumo sono rimasti stabili.

Nel settembre 2020 l’indice dei prezzi al consumo (IPC) è rimasto stabile rispetto al mese precedente, attestandosi a 101,2 punti (dicembre 2015 = 100). Rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, il rincaro è stato del –0,8%. È quanto emerge dai risultati dell’Ufficio federale di statistica (UST).

La stabilità dell’indice rispetto al mese precedente è il risultato di tendenze opposte che si sono compensate a vicenda. I prezzi dei viaggi forfetari internazionali sono diminuiti, come pure quelli dei pernottamenti in albergo e dei trasporti aerei. Hanno invece registrato un aumento i prezzi dell’abbigliamento e delle calzature come pure quelli dell’altra frutta (uve e meloni).

Qualità dei risultati

L’attuale pandemia interpella tutta la società e l’economia. In questo contesto difficile, l’Ufficio federale di statistica (UST) deve continuare a fornire all’opinione pubblica, in particolare alle istanze decisionali del Paese e ai media, cifre attendibili.

Nel settembre 2020 è stato possibile rilevare tutti i prezzi secondo il piano di rilevazione. Mancano solo alcuni prezzi per le tariffe aeree e i prezzi per gli eventi sportivi. Per le tariffe aeree, l’andamento delle tariffe rilevate è stato imputato alle tariffe mancanti della medesima categoria, cosicché le tariffe mancanti non esercitano nessuna influenza sui risultati. Visto che gran parte dei prezzi per gli eventi sportivi non sono stati disponibili, è stato riportato l’ultimo prezzo rilevato e la rilevazione sarà ricondotta in ottobre. Ad eccezione delle tariffe aeree e degli eventi sportivi, nel settembre 2020 la qualità delle rilevazioni per l’IPC corrisponde agli standard abituali.

Indice dei prezzi al consumo armonizzato – IPCA

Nel settembre 2020, l’indice dei prezzi al consumo armonizzato (IPCA) della Svizzera si è attestato a 100,44 punti (base 2015 = 100), il che corrisponde a un tasso di variazione di –0,1% rispetto al mese precedente e di –1,1% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. A causa degli effetti della pandemia, per l’IPCA sono state introdotte le stesse tecniche di imputazione dei prezzi mancanti utilizzate per l’IPC.

L’IPCA è un indicatore dell’inflazione supplementare elaborato sulla base di una metodologia comune ai Paesi membri dell’Unione Europea. Consente di raffrontare il rincaro registrato in Svizzera con quello dei Paesi europei.

Eurostat (l’ufficio statistico dell’UE) pubblica i risultati secondo un calendario prestabilito. L’UST pubblica un’analisi comparativa del rincaro registrato in Svizzera e in Europa all’indirizzo www.ipch.bfs.admin.ch. Sono ugualmente disponibili una nota metodologica, la ponderazione 2020 del paniere tipo dell’IPCA svizzero e l’«Attualità UST» sull’IPCA. Eurostat pubblicherà gli IPCA del mese di settembre 2020 degli altri Paesi europei il 16 ottobre 2020. Una panoramica di tutti i risultati IPCA è reperibile sul sito Internet di Eurostat all’indirizzo seguente: https://ec.europa.eu/eurostat/web/hicp.

Link Consiglio Federale svizzero

Informazioni aggiuntive e tabelle

Svizzera in settembre i prezzi al consumo sono rimasti stabili

Lascia un commento