Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Coronavirus - Covid19

Svizzera: 200 militari della compagnia sanitaria a sostegno del Cantone Ginevra

Svizzera: primo impiego di una formazione dell’esercito nel nuovo servizio d’appoggio

Il 6 novembre 2020 lo Stato maggiore federale Protezione della popolazione ha approvato una richiesta di appoggio sussidiario da parte dell’esercito presentata dal Cantone di Ginevra. Per tale motivo l’esercito ha mobilitato via SMS i militari della compagnia sanitaria 1.

Circa 200 militari della compagnia sanitaria 1 sono stati mobilitati oggi, venerdì pomeriggio, 6 novembre 2020, via SMS. Entrano in servizio domenica a Moudon, dove si preparano a un impiego sotto forma di servizio d’appoggio a favore del Cantone di Ginevra. A partire da lunedì le cittadine e i cittadini in uniforme sgraveranno la sanità pubblica del Cantone di Ginevra nel trasporto nonché nella cura di pazienti COVID-19 e forniranno supporto ai posti di triage e a sostegno delle capacità di test COVID. La cp san 1 è stata chiamata in servizio in via aggiuntiva per completare le necessarie competenze specialistiche e linguistiche dei soldati e quadri già disponibili, entrati in servizio a titolo volontario, nonché dei militari in ferma continua disponibili.

Per principio occorre dare seguito alla chiamata in servizio d’appoggio. I militari hanno la possibilità di presentare una domanda di dispensa. Tali domande vengono tuttavia accordate soltanto per attività irrinunciabili nella Rete integrata Svizzera per la sicurezza (RSS) e in caso di determinate professioni nell’ambito della sanità pubblica e dell’assistenza, di personale infermieristico e di servizio attivo in case per anziani e di cura, centri di custodia diurni per l’infanzia nonché nell’ambito dell’esecuzione di sanzioni penali. Ulteriori informazioni a tale riguardo sono disponibili all’indirizzo www.esercito.ch/corona.

Mercoledì 4 novembre 2020 il Consiglio federale ha deciso di fornire appoggio alla sanità pubblica in tutta la Svizzera e nel Lichtenstein con un massimo di 2500 militari che prestano servizio d’appoggio. Le singole richieste vengono esaminate dallo Stato maggiore federale Protezione della popolazione. L’obiettivo consiste nel chiamare in servizio i militari secondo le esigenze impiegandoli laddove sono effettivamente necessari. Non appena l’esercito non è più necessario, si ritira nuovamente. L’impiego a favore del Cantone di Ginevra durerà presumibilmente almeno 30 e al massimo 90 giorni.

Analogamente all’impiego in servizio d’appoggio prestato nella primavera 2020, per questo nuovo servizio d’appoggio ai militari vengono computati al massimo 38 giorni (due corsi di ripetizione) sul totale obbligatorio di giorni di servizio d’istruzione.

Lascia una risposta