Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Istituzioni e Diritti

Il consigliere federale Berset partecipa alla videoconferenza dei ministri delle pari opportunità UE

Il consigliere federale Alain Berset partecipa alla videoconferenza delle ministre e dei ministri delle pari opportunità dell’UE.

Berna, 20.11.2020 – Stamattina, 20 novembre 2020, le ministre e i ministri delle pari opportunità dell’UE si sono incontrati in videoconferenza. Su invito della Germania, presidente di turno del Consiglio dell’UE, ha partecipato al colloquio anche il consigliere federale Alain Berset. Tema principale, la lotta alla violenza domestica e alla violenza contro le donne durante la pandemia di coronavirus.

La pandemia di coronavirus acuisce fattori quali la ridotta libertà di movimento e i problemi finanziari che posso dare origine a violenze domestiche. È dunque importante disporre di efficaci sistemi di sostegno alle vittime. Il consigliere federale Alain Berset ha informato i partecipanti alla videoconferenza sui provvedimenti adottati dalla Svizzera per combattere la violenza contro le donne e la violenza domestica durante la pandemia.

Per garantire un dialogo regolare tra gli esperti dei consultori, della polizia e degli organi federali e cantonali, in marzo Confederazione e Cantoni hanno istituito una task force contro la violenza domestica, incaricata di monitorare l’evoluzione degli episodi denunciati alla polizia e il numero dei posti disponibili nelle case rifugio e di sostenere i Cantoni nella predisposizione dell’aiuto alle vittime. «La violenza domestica dev’essere combattuta sistematicamente e chi commette atti di violenza deve assumersene la responsabilità, anche e soprattutto in tempi di crisi», ha detto Alain Berset.

Alla videoconferenza si è discusso anche della proposta di introdurre in Europa un numero unitario per i servizi telefonici nazionali di aiuto alle vittime di violenza contro le donne. In Svizzera le vittime di violenza domestica trovano i recapiti dei consultori nel loro Cantone sul sito Internet nazionale www.aiuto-alle-vittime.ch. All’inizio dell’estate, una campagna condotta sui social media per rendere attenti a quest’offerta ha raggiunto oltre 1,3 milioni di persone.

Il Consiglio federale rafforza la prevenzione della violenza domestica

Nel 2019 in Svizzera sono stati registrati 20 000 reati domestici, cioè circa 50 al giorno. Quasi due terzi degli omicidi sono stati perpetrati in ambito familiare. 15 persone, di cui 14 erano donne, sono state uccise dal partner. Il Consiglio federale prevede aiuti finanziari per un importo di tre milioni di franchi per la prevenzione della violenza domestica a partire dal 2021. Il Parlamento deciderà sul credito quadro nella sessione invernale.