Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Istituzioni e Diritti

Il Consiglio federale adotta la Strategia contro la corruzione

Il Consiglio federale adotta la Strategia contro la corruzione

Nella seduta del 25 novembre 2020 il Consiglio federale ha adottato la sua Strategia contro la corruzione 2021–2024, che si rivolge in particolare all’Amministrazione federale ma la cui efficacia vuole estendersi anche ad altre realtà.

In Svizzera le autorità statali godono di ampia fiducia da parte delle cittadine e dei cittadini. Ma i casi di corruzione potrebbero gravemente minarla e anche la reputazione internazionale del Paese ne risentirebbe. Per evitare che ciò accada il Consiglio federale ha adottato, per la prima volta, una strategia contro la corruzione, che dovrà ampliare ad hoc gli strumenti esistenti.

La strategia è stata messa a punto dal Gruppo di lavoro interdipartimentale per la lotta contro la corruzione, un organo di pianificazione e coordinamento dell’Amministrazione federale diretto dal Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Questo gruppo ha organizzato una serie di eventi sul tema, ai quali hanno partecipato numerosi uffici federali, il Ministero pubblico della Confederazione e una selezione di rappresentanti dei Cantoni, del mondo economico e scientifico e della società civile.

La strategia, valida per il periodo 2021-2024, definisce obiettivi che vanno dalla prevenzione al perseguimento penale, passando per la cooperazione internazionale, e indica misure direttamente rivolte all’Amministrazione federale, che quest’ultima dovrà attuare. Il Consiglio federale spera inoltre che i provvedimenti abbiano un effetto indiretto anche su altre cerchie. A questo proposito intende collaborare con i Cantoni e i Comuni e si aspetta che anche il settore privato e la società civile affrontino la lotta alla corruzione come una sfida comune.

La Svizzera si impegna nella lotta alla corruzione anche a livello internazionale e, come altri Paesi, si sottopone a esami periodici dell’ONU, dell’OCSE e del Consiglio d’Europa, i cui impulsi sono stati in parte incorporati nella strategia. Alla fine del 2024 il Consiglio federale farà un bilancio della strategia e deciderà in merito a un eventuale adeguamento.

Documenti: