Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Coronavirus - Covid19

Svizzera: sospeso il progetto per un’assicurazione contro le pandemie

NIAID Novel Coronavirus SARS-CoV-2

Svizzera: sospeso il progetto per un’assicurazione contro le pandemie.

Berna, 01.04.2021 – Il 31 marzo 2021 il Dipartimento federale delle finanze (DFF) ha comunicato al Consiglio federale i risultati dei chiarimenti effettuati in relazione a un’assicurazione contro le pandemie. I risultati vertevano sui lavori svolti con i rappresentanti del settore assicurativo e sulla decisione di non dare seguito al progetto, almeno per il momento. Manca per ora infatti un ampio consenso da parte dell’imprenditoria.

Nel 2020, sotto la guida del DFF, un gruppo di lavoro composto di rappresentanti di diversi dipartimenti e del settore assicurativo ha elaborato un progetto relativo a una soluzione assicurativa contro le pandemie, destinata alle imprese. In seguito il DFF ha invitato i rappresentanti del mondo economico a esprimersi al riguardo.

Secondo la proposta, la formazione del capitale necessario per compensare i futuri sinistri avverrebbe tramite i premi. Lo Stato si assumerebbe una quota molto elevata dei rischi che a lungo termine dovrebbero essere coperti dai premi. In caso di sinistro, le imprese riceverebbero le indennità loro spettanti per contratto a condizione di pagare un premio assicurativo annuale. L’ammontare del premio rientrerebbe nei limiti ragionevoli soltanto se l’assicurazione contro le pandemie diventasse obbligatoria per tutte le imprese operanti in Svizzera, quantificate a circa 600.000.

Ad oggi le imprese non hanno indicato chiaramente di volere un’assicurazione di questo tipo. Ne osteggiano in particolare il carattere obbligatorio, per cui i premi dovuti equivarrebbero a una pratica parafiscale. Inoltre, un’assicurazione obbligatoria contro le pandemie implicherebbe verosimilmente la creazione di una base costituzionale. Il DFF rinuncia pertanto a portare avanti il progetto, ma tiene aperto il dialogo con il settore assicurativo ed è disposto a esaminare eventuali proposte alternative.