Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Istituzioni e Diritti

Risorse finanziarie supplementari per l’attuazione dell’Amministrazione digitale Svizzera

Svizzera

Risorse finanziarie supplementari per l’attuazione dell’Amministrazione digitale Svizzera.

Berna, 11.06.2021 – Nella sua seduta dell’11 giugno 2021, il Consiglio federale ha preso atto delle basi per l’attuazione dell’«Amministrazione digitale Svizzera», prevista per il 1° gennaio 2022, e ha approvato i principi dell’attuazione secondo i documenti allegati. Al fine di accelerare lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi di base necessari per lo svolgimento dei processi elettronici, il Consiglio federale ha deciso per gli anni 2022 e 2023 risorse supplementari di complessivamente 15 milioni di franchi, destinate a finanziare la prevista agenda «Infrastrutture e servizi di base nazionali dell’Amministrazione digitale Svizzera».

Conformemente al mandato del Consiglio federale e dell’assemblea plenaria della Conferenza dei Governi cantonali (CdC), sono state elaborate le basi per l’attuazione della prima tappa della nuova organizzazione «Amministrazione digitale Svizzera». Il 10 marzo 2021 le suddette basi sono state sottoposte per consultazione a Confederazione, Cantoni, città e Comuni unitamente al progetto di una convenzione quadro di diritto pubblico. Nella sua seduta odierna, il Consiglio federale ha approvato i principi dell’attuazione dell’«Amministrazione digitale Svizzera» come delineati nei documenti di base. La nuova convenzione quadro dovrà essere ratificata dal Consiglio federale e dai Governi cantonali entro la fine del 2021, affinché l’«Amministrazione digitale Svizzera» possa diventare operativa da gennaio 2022. La CdC si esprimerà sulle basi per l’attuazione dell’«Amministrazione digitale Svizzera» dopo l’assemblea plenaria del 25 giugno 2021.

Occorre accelerare la predisposizione di infrastrutture e servizi di base urgentemente necessari e portare avanti con determinazione lo sviluppo dell’Amministrazione digitale in Svizzera. Le ambizioni congiunte di Confederazione e Cantoni devono essere realizzate con l’agenda «Infrastrutture e servizi di base nazionali dell’Amministrazione digitale Svizzera». A tale scopo il Consiglio federale ha stanziato nel preventivo 2022 un finanziamento iniziale di 5 milioni di franchi per il 2022 e di 10 milioni di franchi per il 2023. L’organizzazione «Amministrazione digitale Svizzera», attualmente in fase di costituzione, e il rispettivo piano di attuazione saranno alimentati con un finanziamento di base, costituito sostanzialmente da fondi esistenti di e-government Svizzera e della Conferenza svizzera sull’informatica (CSI). Il finanziamo iniziale da parte della Confederazione completa questi fondi.

Per l’agenda «Infrastrutture e servizi di base nazionali dell’Amministrazione digitale Svizzera», dal 2022, in una prima tappa saranno avviati, in stretta collaborazione con Cantoni e Comuni, in particolare studi di fattibilità e progetti pilota, al fine di sviluppare possibili soluzioni e obiettivi comuni. Su questa base verranno gradualmente lanciate e completate le iniziative e le misure necessarie. L’accento è posto sulla predisposizione di infrastrutture e servizi di base comuni per la gestione delle identità e degli accessi, per il ricevimento e l’invio in forma elettronica di documenti o per l’utilizzo e la gestione trasversali di dati a tutti i livelli statali. L’organizzazione «Amministrazione digitale Svizzera» gestirà l’agenda e assicurerà la partecipazione di tutti e tre i livelli statali e dei gruppi di interesse.

Il progetto «Amministrazione digitale Svizzera» mira a rendere più efficaci la gestione e il coordinamento strategici delle attività relative alla digitalizzazione di Confederazione, Cantoni e Comuni accorpando le strutture esistenti e concentrando le pertinenti forze. Ciò deve avvenire in tre tappe consecutive. Nella primavera del 2020, il Consiglio federale e l’assemblea plenaria della CdC hanno incaricato il Dipartimento federale delle finanze e la CdC di attuare la prima tappa. I lavori vengono effettuati d’intesa con il settore Trasformazione digitale e governance delle TIC della Cancelleria federale.