Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Scuola, università, formazione

La formazione per uno sviluppo sostenibile: il sostegno della Svizzera al Partenariato globale per l’educazione

Grazie alla formazione, verso uno sviluppo sostenibile: la Svizzera rinnova il suo sostegno al Partenariato globale per l’educazione.

Berna, 11.06.2021 – Il Partenariato globale per l’educazione (Global Partnership for Education, GPE) è un importante partner multilaterale della Svizzera per il raggiungimento dei suoi obiettivi di cooperazione internazionale nel campo dell’istruzione e della formazione. Nella sua seduta dell’11 giugno 2021 il Consiglio federale ha quindi deciso di continuare a sostenere il GPE e di mettere a disposizione dell’organizzazione 52 milioni di franchi per il periodo 2021-2025.

L’istruzione contribuisce a ridurre la povertà e le disuguaglianze, stimola la crescita economica ed è fondamentale per uno sviluppo sostenibile. In quanto fondo centrale e globale, il GPE ha contribuito a rafforzare i sistemi educativi nei Paesi a basso reddito fin dalla sua fondazione nel 2002. Il GPE svolge quindi un ruolo centrale nel raggiungimento dell’obiettivo di sviluppo sostenibile numero 4 «istruzione di qualità» dell’Agenda 2030. Per questo motivo il Consiglio federale ha deciso di mettere a disposizione del fondo una somma pari a 52 milioni di franchi per il periodo 2021-2025.

Secondo le Nazioni Unite, nonostante i grandi progressi fatti nel corso degli ultimi decenni, 258 milioni di bambini e giovani non hanno ancora accesso all’istruzione. La situazione è più difficile per le bambine e le ragazze e per tutti i minori che vivono in zone di conflitto o sono costretti a fuggire. Ma anche la qualità dell’istruzione rappresenta un problema – spesso alla fine della scuola primaria le allieve e gli allievi sanno a malapena leggere e scrivere. La pandemia di COVID-19 ha reso ancora più precario lo stato dell’istruzione nei Paesi a basso reddito.

Un partner importante per gli obiettivi di politica estera della Svizzera

La Svizzera sostiene finanziariamente il Partenariato dal 2009 ed è membro del Consiglio di amministrazione (Board of Directors). Grazie anche ai contributi della Svizzera, dal 2002 il GPE ha ottenuto grandi successi. Per esempio, le bambine e i bambini scolarizzati sono oggi 160 milioni in più e la percentuale di loro che lascia la scuola con un diploma finale è aumentata costantemente. In risposta alla COVID-19, il GPE ha messo a disposizione 500 milioni di dollari, permettendo a 335 milioni di studenti di continuare ad andare a scuola.

Gli obiettivi strategici del Partenariato globale corrispondono agli obiettivi della Strategia di politica estera 2020–2023 e della Strategia di cooperazione internazionale 2021–2024 della Svizzera.

Vertice globale sull’educazione.

Il contributo di 52 milioni di franchi approvato dal Consiglio federale sarà annunciato ufficialmente al Global Education Summit che si terrà a Londra alla fine di luglio e a cui parteciperà anche la Svizzera. L’obiettivo del vertice è raccogliere 5 miliardi di dollari per attenuare le conseguenze negative dell’attuale crisi dei sistemi di istruzione nei Paesi in via di sviluppo entro il 2025.