Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Coronavirus - Covid19

COVID-19: la Svizzera invia 13 tonnellate di aiuti medico-sanitari in Vietnam

Vietnam-bandiera

COVID-19: la Svizzera invia 13 tonnellate di aiuti medico-sanitari in Vietnam.

Berna, 11.08.2021 – La Svizzera aiuta il Vietnam nella lotta contro la pandemia di COVID-19. L’Aiuto umanitario della Confederazione invia 30 respiratori, 500 000 test antigenici e 280’000 mascherine protettive a sostegno del Paese, duramente colpito dal coronavirus. I costi della fornitura di materiale ammontano a 5 milioni di franchi.

A fronte della precaria situazione sanitaria in Vietnam, la Confederazione ha deciso di sostenere il Paese nella lotta contro la COVID-19. Gli aiuti comprendono circa 13 tonnellate di materiale, tra cui 30 respiratori forniti dalla Farmacia dell’esercito, mezzo milione di test antigenici e 280 000 mascherine protettive messe a disposizione dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Prima di disporne l’invio, è stato verificato che questi beni non fossero necessari per provvedere alle esigenze della popolazione svizzera.

Oggi, giovedì, un aereo cargo è decollato da Zurigo diretto a Ho Chi Minh City, l’epicentro della pandemia in Vietnam. Qui il materiale sarà consegnato alle autorità sanitarie vietnamite dal console generale di Svizzera sul posto. L’Ambasciata di Svizzera in Vietnam si mantiene in stretto contatto con tutte le parti coinvolte in questa operazione di aiuto umanitario.

È l’ottava volta in quattro mesi che l’Aiuto umanitario della Confederazione, un’unità del DFAE, fornisce aiuti all’estero per contrastare la pandemia. La Confederazione ha già inviato materiale per l’assistenza (respiratori, concentratori di ossigeno e dispositivi di protezione medico-sanitari) in Thailandia (28.7.21), Indonesia (24.7.21), Tunisia (16.7.21), Mongolia (12.7.21), Sri Lanka (7.6.21), Nepal (21.5.21) e India (6.5.21). La Svizzera segue costantemente l’evoluzione della situazione sanitaria nel mondo in relazione alla pandemia di COVID-19 ed è disposta, nei limiti del possibile e su richiesta, a fornire assistenza.