Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Economia e lavoro

Il consigliere federale Maurer al vertice dei ministri delle finanze G20 e alla riunione annuale FMI e Banca mondiale

Svizzera: il Consigliere federale Ueli Maurer

Il consigliere federale Ueli Maurer partecipa al vertice dei ministri delle finanze del G20 e alla riunione annuale del FMI e della Banca mondiale a Washington.

Berna, 13.10.2021 – Il consigliere federale Ueli Maurer rappresenterà la Svizzera al vertice dei ministri delle finanze del G20 e alla riunione annuale del Fondo monetario internazionale (FMI) e della Banca mondiale, che si terranno a Washington dal 13 al 15 ottobre 2021. Thomas Jordan, presidente della Direzione generale della Banca nazionale svizzera, vi parteciperà in videoconferenza. Il vertice del G20, così come la riunione annuale, sono incentrati sull’imposizione dell’economia digitale e sul rafforzamento della ripresa economica dopo la pandemia da coronavirus.

Il vertice dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali del G20 del 13 ottobre 2021 è incentrato sul progetto dell’OCSE concernente l’imposizione delle grandi imprese attive a livello internazionale. Il consigliere federale Ueli Maurer ribadirà che il progetto dovrà tenere adeguatamente conto degli interessi della Svizzera e di altri Paesi piccoli e che l’attuazione delle nuove norme dell’OCSE dovrà rispettare i termini per lo svolgimento delle procedure nazionali stabilite dalla legge. Un altro tema oggetto dei colloqui è il possibile ampliamento degli strumenti del FMI per rafforzare la crescita sostenibile nei Paesi vulnerabili.

Riunione annuale del FMI e della Banca mondiale

Il comitato direttivo ministeriale del FMI si occupa delle sfide in ambito di politica economica e della necessità di intervento da parte del FMI per favorire una ripresa economica sostenibile dopo la pandemia da coronavirus. La Svizzera chiede al FMI di garantire tra i Paesi membri condizioni quadro solide in materia di politica economica e la trasparenza sul debito, al fine di promuovere una ripresa duratura e sostenibile. Nell’utilizzare gli strumenti di finanziamento a disposizione e nel crearne eventualmente dei nuovi, il FMI deve prestare particolare attenzione anche alla solidità finanziaria nonché al proprio scopo e mandato.

In seno al Comitato per lo sviluppo della Banca mondiale la Svizzera accoglierà favorevolmente le misure della Banca mondiale volte a rafforzare la resilienza e a favorire una ripresa economica sostenibile e inclusiva. La Banca mondiale deve sostenere segnatamente il passaggio dalle energie fossili a quelle rinnovabili, la mobilitazione di investimenti per la prevenzione e la preparazione alle crisi nonché la lotta alle disparità. In questo modo contribuirà in maniera significativa all’attuazione dell’Agenda 2030 e dell’Accordo di Parigi sul clima. Il nostro Paese sostiene inoltre la riforma dei diritti di voto, promossa dall’Agenzia internazionale per lo sviluppo, che a medio termine rafforzerà i diritti di voto dei Paesi beneficiari e dei Paesi donatori di lunga data come la Svizzera.