Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Ambiente

Canale Fede e Ragione: l’intervento del presidente Draghi al COP26 World Leaders Summit

Cop26-World-Leaders-Summit-2021-Draghi

Canale Fede e Ragione: l’intervento del presidente del Consiglio Mario Draghi al COP26 World Leaders Summit.

Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi Lunedì 1 Novembre 2021 è stato a Glasgow per partecipare a COP26 World Leaders Summit, dove è intervenuto alla cerimonia di apertura e alla tavola rotonda Action and Solidarity – The Critical Decade. Pubblichiamo video e testo del suo intervento alla cerimonia di apertura.

Primo Ministro Johnson,
Eccellenze,
Colleghi,
Signore e signori,

I discorsi che abbiamo appena ascoltato risuonano profondamente in me. Negli ultimi anni, i giovani ci hanno reso un servizio portando l’agenda sul clima al centro del nostro dibattito politico. I giovani sono stati al centro del Summit Pre-COP di Milano. A Glasgow, qui, dobbiamo renderli orgogliosi.

Il previsto aumento delle temperature globali è destinato a influenzare drammaticamente la vita sul nostro pianeta. Dai catastrofici incendi e inondazioni che abbiamo visto ora, allo sbiancamento delle barriere coralline, alla perdita di biodiversità, l’impatto del cambiamento climatico è già fin troppo evidente. Anche il suo prezzo sta aumentando rapidamente, specialmente per le nazioni più povere. Il costo dei disagi per le famiglie e le aziende nei paesi a basso e medio reddito ammonta a ben 390 miliardi di dollari l’anno.

Il cambiamento climatico ha anche gravi ripercussioni sulla pace e la sicurezza globali. Può esaurire le risorse naturali e aggravare le tensioni sociali; portare a nuovi flussi migratori e contribuire al terrorismo e alla criminalità organizzata. Il cambiamento climatico può dividerci.

Grazie al dialogo e alla cooperazione costanti, abbiamo compiuto buoni progressi nell’affrontare il cambiamento climatico.
Il G20 rappresenta circa il 75% delle emissioni globali di gas serra e circa l’80% del PIL mondiale.
Al vertice dello scorso fine settimana a Roma, i suoi Stati membri hanno concordato che dobbiamo limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi, questa è stata la prima volta, e si sono impegnati a raggiungere emissioni nette pari a zero entro la metà del secolo.
Abbiamo deciso di intensificare le nostre azioni a partire da questo decennio, aumentare i nostri contributi determinati a livello nazionale e interrompere il finanziamento pubblico internazionale del nuovo carbone senza sosta entro la fine di quest’anno.

Qui alla COP26 ora dobbiamo andare oltre rispetto a quanto abbiamo fatto al G20.
Dobbiamo accelerare il nostro impegno per mantenere l’aumento della temperatura al di sotto di 1,5 gradi.
Dobbiamo basarci sull’accordo del G20 e agire in modo più rapido e deciso.

Dobbiamo rafforzare i nostri sforzi nel campo dei finanziamenti per il clima. Dobbiamo riunire il settore pubblico e quello privato in modi nuovi. Abbiamo la tabella di marcia proposta dal principe Carlo. Il primo ministro Johnson ha evidenziato la quantità di denaro privato disponibile; sono decine di trilioni. Ma ora dobbiamo usare quelle risorse. Ora dobbiamo trovare un modo intelligente per spenderli e spenderli velocemente.

Abbiamo bisogno, prima di tutto, che tutte le banche multilaterali di sviluppo, e in particolare la Banca mondiale, condividano con il settore privato i rischi che il settore privato da solo non può sopportare. Abbiamo bisogno di piattaforme nazionali in cui la Banca mondiale e altre banche multilaterali di sviluppo possano effettivamente condividere e rendere utilizzabile tutto questo denaro per una buona causa.

Questa è, in un certo senso, la prima grande notizia che il Primo Ministro Johnson ci ha dato oggi; quel denaro non è un problema se vogliamo usarlo bene. Questa COP26 deve essere l’inizio di un nuovo slancio, un salto di qualità nella nostra lotta contro il cambiamento climatico.

E i nostri giovani devono essere al centro di questo processo. Intendiamo trasformare l’evento “Youth 4 Climate” che abbiamo tenuto a Milano in un appuntamento fisso di tutte le COP. Le generazioni future ci giudicheranno per ciò che otteniamo o non riusciamo a raggiungere. Dobbiamo coinvolgerli, ascoltarli e, soprattutto, imparare da loro. Grazie.

Fonte Canale Fede e Ragione: L’intervento del presidente Draghi al COP26 World Leaders Summit.