Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Economia e lavoro, Lavoro e professioni

Svizzera e Cina approvano una roadmap per approfondire la cooperazione su lavoro e occupazione

Svizzera stemma

Svizzera e Cina approvano una roadmap per approfondire la cooperazione su lavoro e occupazione.

Berna, 13.12.2021 – Il 13 dicembre 2021 la SECO ha tenuto un dialogo tripartito con il Ministero cinese delle risorse umane e della sicurezza sociale (MoHRSS) sotto la guida di Boris Zürcher, capo della Direzione del lavoro. Le delegazioni tripartite si sono scambiate opinioni in videoconferenza, hanno firmato una tabella di marcia per approfondire la cooperazione in materia di lavoro e occupazione e hanno discusso dell’impatto della digitalizzazione sul mondo del lavoro. La Svizzera ha espresso la sua profonda preoccupazione per le testimonianze sulle violazioni dei diritti fondamentali del lavoro nello Xinjiang.

Durante l’incontro, Boris Zürcher e il direttore generale cinese Hao Bin hanno firmato una tabella di marcia per approfondire la cooperazione bilaterale su determinate questioni del lavoro e dell’occupazione. L’obiettivo principale è promuovere il partenariato sociale e creare un maggior numero di posti di lavoro di qualità nel contesto della digitalizzazione del mondo del lavoro e della ripresa dalla pandemia di COVID-19. La firma della roadmap segna una pietra miliare nella pluriennale cooperazione basata su un memorandum d’intesa firmato nel 2011.

Svizzera e Cina si sono scambiate opinioni ed esperienze in merito alle nuove forme di lavoro e alla crescente domanda di lavoratori altamente qualificati, alimentata in tutto il mondo dalla digitalizzazione. Il nostro Paese ha espresso la sua preoccupazione per i rapporti sulla detenzione arbitraria e sul lavoro forzato nello Xinjiang, ha esortato la Cina a rispettare i principi e i diritti fondamentali del lavoro in qualità di Stato membro dell’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) e a ratificare le convenzioni fondamentali dell’OIL n. 29 e 105 sul lavoro forzato. I rappresentanti delle parti sociali svizzere hanno sostenuto questa richiesta e condiviso le loro preoccupazioni.