Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Economia e lavoro

Stabilimenti balneari, incontro al ministero

Mise-incontro-stabilimenti-balneari

Stabilimenti balneari, incontro al ministero dello Sviluppo Economico.

Al via il tavolo tecnico per una soluzione condivisa.

Si è svolto martedì scorso30 al Ministero dello sviluppo economico l’incontro tra il governo, rappresentato dai ministri Giancarlo Giorgetti, Massimo Garavaglia e Mariastella Gelmini e i rappresentanti della categoria dei balneari.

Si è convenuto di istituire un tavolo tecnico politico al fine di arrivare a un testo condiviso per una soluzione definitiva entro metà gennaio. Allo stesso tempo già domani si procederà anche a un confronto serrato con le Regioni per verificare il rispetto delle norme sulla mappatura delle concessioni delle spiagge da parte di tutti.

Nel corso del tavolo i ministri hanno evidenziato la necessità di una soluzione condivisa con i diretti interessati, con il coinvolgimento anche delle regioni, nella consapevolezza che il pronunciamento del Consiglio di Stato comporta un cambiamento delle attuali norme.

Tra le richieste avanzate dai rappresentanti della categoria, la costituzione di un tavolo tecnico per valutare le misure più idonee a tutelare le imprese, gli investimenti fatti negli anni spesso da aziende di carattere familiare e l’occupazione.

Prima di ogni intervento – dice Garavaglia – il governo ha la necessità di conoscere il punto di vista degli operatori e questo incontro serve proprio a questo scopo”.

Riferiremo a Draghi i risultati di questo tavolo – dice Giorgetti – con la consapevolezza che nostro dovere, anche nell’interesse della categoria, è trovare soluzioni condivise che in questo particolare momento storico, anche grazie agli investimenti previsti nel Pnrr, potrebbero essere le migliori possibili”. Anche per la ministra Gelmini, che domani aggiornerà le Regioni nel corso della Conferenza sull’incontro di oggi “è corretta la proposta di costituire un tavolo tecnico per trovare una soluzione, in collaborazione con il governo, che tuteli l’italianità, le nostre eccellenze e l’occupazione