Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Economia e lavoro, Lavoro e professioni

Fede e Ragione, Lavoro Svizzera: nel terziario per 9 persone su 10 impiego coerente con la formazione

mappa Svizzera Google Maps

Nella Confederazione svizzera: 9 su 10 hanno un lavoro nel terziario corrispondente con il proprio diploma.

Un anno dopo il conseguimento del diploma, il 93% delle persone diplomate nel livello terziario dichiarava di svolgere un’attività professionale in linea con il proprio livello di formazione o con le proprie qualifiche specialistiche. A questo hanno contribuito, oltre al tipo di diploma conseguito, anche il momento nel quale si è iniziato a ricoprire la nuova attività e il numero di posti vacanti per regione. Ecco alcuni dei risultati tratti dal rapporto tematico dell’Ufficio federale di statistica (UST) sull’inadeguatezza della formazione rispetto all’attività professionale.

Nel rapporto, un’attività professionale è considerata «inadeguata» alla formazione se per esercitarla non è richiesta alcuna qualifica di livello terziario e se essa non corrisponde alle qualifiche specialistiche acquisite durante la formazione. La quota di persone con un diploma di livello terziario che a un anno dal conseguimento del titolo di studio svolgono un’attività professionale inadeguata rispetto alla formazione varia a seconda del tipo di diploma, oscillando tra l’1% delle persone diplomate in un’alta scuola pedagogica e il 10% di quelle che hanno conseguito un attestato professionale federale.

Tra gli altri fattori, l’inadeguatezza della formazione rispetto all’attività professionale dipende anche dal momento nel quale si è iniziato a svolgere la nuova attività professionale e dal numero di posti vacanti per Grande Regione.

L’entrata in azienda avviene perlopiù dopo gli studi universitari

Le persone con diploma di scuola universitaria hanno iniziato l’attività professionale che stanno svolgendo a un anno dal conseguimento del titolo di studio per lo più subito dopo la conclusione della formazione. Solo il 5% delle persone con un master di una scuola universitaria (UNI) e il 10% di quelle con un bachelor di una scuola universitaria professionale (SUP) al momento del conseguimento del titolo di studio stanno esercitando la propria attività professionale da più di tre anni, il che significa che la esercitavano già durante gli studi. Queste persone presentano un rischio di 10 punti percentuali superiore di svolgere un’attività professionale inadeguata rispetto a quelle che hanno trovato o cambiato lavoro dopo l’ottenimento del diploma.

Al termine di un diploma di formazione professionale superiore  spesso si continua con l’attività professionale svolta in precedenza

Per le persone con un diploma di formazione professionale superiore – FPS l’entrata in azienda prima del conseguimento del diploma non costituisce un rischio maggiore di svolgere un’attività professionale inadeguata. La formazione professionale superiore viene spesso portata avanti parallelamente a un’attività professionale ed è per contenuti strettamente correlata a quest’ultima, cosicché l’ottenimento del titolo di studio non rappresenta necessariamente un’interruzione nella carriera lavorativa della persona diplomata.

Quanto sopra trova conferma anche nei risultati ottenuti considerando il momento dell’entrata in azienda: la maggior parte delle persone con un attestato professionale federale (APF: 73%) o un diploma federale (DF: 78%) erano entrate in azienda già prima dell’ottenimento del titolo di studio. Inoltre, il 60% delle persone con un APF e il 69% di quelle con un DF lavoravano già da almeno tre anni nella stessa azienda. Le nuove qualifiche ottenute hanno potuto essere sfruttate nell’esercizio dell’attività professionale già esercitata senza che sia stato necessario cambiare azienda.

La grande quantità di posti vacanti riduce il rischio di attività professionale inadeguata.

La grande quantità di posti vacanti si ripercuote positivamente sulla situazione occupazionale delle persone con diploma di livello terziario: una quota di posti vacanti superiore di un punto percentuale comportava un rischio inferiore di tre punti percentuali di esercitare un’attività professionale inadeguata.

Immagine: mappa della Svizzera, cortesia Google Maps.

Fonte rivista Fede e Ragione: Lavoro Svizzera: nel terziario per 9 persone su 10 impiego coerente con la formazione.

Per maggiori informazioni: Per 9 persone con diploma di livello terziario su 10 l’impiego corrisponde alla formazione.
Svizzera-9-persone-diploma-su-10-impiego-coerente-formazione