Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Economia e lavoro

Lavoro: la Svizzera ha ratificato due convenzioni OIL su salute e sicurezza

Svizzera stemma

La Svizzera ratifica due convenzioni OIL concernenti la salute e la sicurezza sul posto di lavoro.

Il 25 aprile 2022 la Svizzera ha depositato presso l’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) gli strumenti di ratifica della Convenzione concernente la sicurezza nell’utilizzazione dei prodotti chimici sul lavoro del 1990 e della Convenzione sulla prevenzione degli incidenti industriali maggiori del 1993. Si tratta di strumenti che creano le condizioni quadro ideali per un impegno mondiale più coerente e solidale sul fronte delle condizioni di lavoro e dell’utilizzo dei prodotti chimici.

Con la ratifica delle due convenzioni la Svizzera ribadisce la necessità di proteggere i lavoratori, la popolazione e l’ambiente dai rischi e dai potenziali effetti negativi delle sostanze chimiche. Occorre pertanto adottare misure di protezione specifiche e una presa di coscienza in tal senso è l’obiettivo delle due convenzioni. La ratifica s’inscrive nel rinnovo degli impegni svizzeri in occasione del centenario dell’OIL, celebrato nel 2019.

Il direttore generale dell’OIL, Guy Ryder, ha osservato: «ogni anno milioni di lavoratori in tutto il mondo perdono la vita o sviluppano malattie croniche a causa dei prodotti chimici o di altre sostanze pericolose utilizzate sul posto di lavoro. Sin dai suoi albori, la sicurezza e la protezione della salute sul lavoro sono sempre state una priorità per l’OIL.»

Ratificando le due convenzioni, il nostro Paese offre un segno tangibile della sua volontà di continuare ad adoperarsi, in seno all’OIL, per un ambiente di lavoro più sicuro e salubre. Per questa ragione la Svizzera è favorevole anche al riconoscimento della sicurezza e dell’igiene sul posto di lavoro quali principi e diritti fondamentali in materia di lavoro.

Infine, la ratifica delle due convenzioni coincide con l’obiettivo del tema prioritario lanciato dalla Segreteria di Stato dell’economia (SECO) e dagli ispettorati cantonali del lavoro per il periodo 2022 ̶ 2023 intitolato «Protezione della salute e prodotti chimici sul posto di lavoro». Lo scopo è aumentare il livello di protezione in relazione all’uso di prodotti chimici nelle aziende e promuovere una cultura della prevenzione al fine di evitare che le sostanze chimiche adoperate sul posto di lavoro si ripercuotano negativamente sulla salute dei lavoratori. Quest’ultima costituisce infatti il fulcro del tema prioritario.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: