Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Salute e benessere, Scienza, innovazione, salute

Analisi di laboratorio: ridotte le tariffe

Svizzera stemma

Analisi di laboratorio: saranno ridotte le tariffe

Dal 1° agosto 2022 le tariffe relative alle analisi di laboratorio saranno ridotte del dieci per cento. La riduzione lineare resterà in vigore finché il DFI avrà esaminato e adeguato le tariffe di tutte le analisi di laboratorio. La prevista riduzione delle tariffe comporterà risparmi annui di circa 140 milioni di franchi. Ulteriori risparmi di circa 30 milioni di franchi all’anno saranno possibili grazie a una verifica della determinazione del livello di vitamina D tramite Health Technology Assessment (HTA)

La tariffa di ogni singola analisi deve essere stabilita secondo le regole dell’economia ed essere adeguatamente strutturata. Il Dipartimento federale dell’interno (DFI) esamina pertanto individualmente la tariffa di ogni analisi. Ad ogni modo, non è possibile effettuare la verifica differenziata e la riduzione delle tariffe entro un breve termine e questa operazione durerà probabilmente fino al 2025.
A titolo di soluzione transitoria, le tariffe di tutte le analisi saranno pertanto ridotte linearmente del dieci per cento a partire dal 1° agosto 2022. L’effetto delle economie di scala dovuto al maggiore volume e l’aumentata automazione comportano costi unitari più contenuti. Inoltre i prezzi d’acquisto dei materiali per i laboratori sono sproporzionatamente cari rispetto a quelli dei Paesi limitrofi. Tra l’altro, il DFI sta vagliando un’ulteriore riduzione lineare delle tariffe, per l’attuazione della quale sarà lasciato tempo sufficiente ai laboratori. Il taglio lineare delle tariffe di laboratorio sarà abrogato non appena sarà conclusa la verifica differenziata delle tariffe di tutte le analisi. La sicurezza dell’approvvigionamento nel settore dei laboratori continua a essere garantita.

Le analisi eseguite dai medici di famiglia sono escluse dalle riduzioni lineari delle tariffe e dall’esame differenziato di tutte le tariffe singole.

Risparmi per le analisi relative alla vitamina D

Ulteriori risparmi di circa 30 milioni di franchi all’anno saranno possibili nell’ambito di una verifica della determinazione del livello di vitamina D tramite HTA. Sulla base delle esperienze maturate a livello nazionale e internazionale, delle direttive e raccomandazioni e in collaborazione con le associazioni di specialisti, l’assunzione dei costi per la determinazione del livello di vitamina D da parte dell’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS) sarà limitata a decorrere dal 1° luglio 2022. L’assunzione dei costi sarà limitata alle malattie o al sospetto di malattie legate a una carenza di vitamina D.

L’assunzione dei costi delle analisi preventive per la vitamina D da parte dell’AOMS sarà pertanto esclusa più chiaramente di prima. Sarà limitata anche la frequenza delle analisi svolte per il controllo del decorso.

Assunzione dei costi della terapia del cheratocono

A partire dal 1° luglio 2022 l’AOMS assumerà i costi della terapia «UVA cross-linking corneale» per il trattamento del cheratocono progressivo (assottigliamento e protrusione della cornea con conseguente riduzione dell’acuità visiva). Con questo intervento si ottiene un irrigidimento della cornea con luce ultravioletta. Dal 1° agosto 2008 questa terapia era esclusa dall’obbligo di assunzione della prestazione per ragioni di sicurezza. Da un rapporto HTA commissionato dall’UFSP, comprensivo di studi più recenti, è emerso che la terapia è sicura e appropriata.

Oltre a queste modifiche, è stata apportata una serie di ulteriori adeguamenti all’ordinanza sulle prestazioni dell’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (OPre) e ai relativi allegati. Le modifiche entreranno in vigore il 1° luglio 2022 e in date successive.