Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Istituzioni e Diritti

Dialogo con le parti sociali e i Cantoni

Il presidente della confederazione svizzera Guy Parmelin, foto Monika Flueckige

Bern, 12.12.2019, foto Monika Flueckiger

Dialogo con le parti sociali e i Cantoni

Il 21 giugno 2022 il consigliere federale Guy Parmelin ha convocato una tavola rotonda dedicata alla situazione attuale del mercato del lavoro. I rappresentanti della Confederazione, dei Cantoni e delle parti sociali hanno ribadito l’importanza fondamentale di un partenariato sociale forte per la politica svizzera del mercato del lavoro.

Nel 2020 la crisi del coronavirus ha provocato il più forte calo del PIL dagli anni Settanta. Da allora l’economia si è ripresa e attualmente (maggio 2022) il tasso di disoccupazione è persino leggermente inferiore (2,1%) al livello pre-crisi. Le misure di stabilizzazione – in particolare il massiccio ricorso al lavoro ridotto – hanno permesso di preservare posti di lavoro, stabilizzare i redditi dei lavoratori ed evitare numerosi fallimenti.

La tavola rotonda ha permesso di analizzare l’attuale situazione del mercato del lavoro, in base alle valutazioni delle parti sociali e dei Cantoni. Sono stati approfonditi due temi in particolare, ossia la continua mancanza di lavoratori qualificati, che si sta inasprendo, la ripresa del mercato del lavoro svizzero e l’aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime. Infine, sono state anche identificate le sfide future. Tra gli altri temi: le conseguenze della guerra in Ucraina, l’interruzione delle catene di approvvigionamento, un’eventuale penuria di energia, l’inflazione, nonché i rapporti della Svizzera con l’Unione europea.

I partecipanti concordano sul fatto che in una situazione come questa tutti i protagonisti del mondo del lavoro dovrebbero collaborare, ad esempio per far conciliare il più possibile l’offerta di posti di lavoro e la domanda di lavoratori. In un contesto di crescenti incertezze la Confederazione, i Cantoni e le parti sociali si adoperano, grazie a questo dialogo continuo, per adattarsi ai vari scenari possibili. Come si è visto più volte in passato, il partenariato sociale e buone condizioni quadro sono gli strumenti migliori per superare con successo le sfide che ci attendono. Il consigliere federale Guy Parmelin ha assicurato il proprio sostegno alle parti sociali.

Alla tavola rotonda convocata dal consigliere federale Guy Parmelin hanno preso parte la Conferenza dei direttori cantonali dell’economia pubblica (CDEP) e le parti sociali Unione sindacale svizzera (USS), Travail.Suisse, Unione svizzera degli imprenditori e Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: