Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Diritti umani, Istituzioni e Diritti

Il discorso di apertura per presidente Cassis alla conferenza sulla ripresa dell’Ucraina

Svizzera stemma

Ignazio Cassis: discorso di apertura della Conferenza sulla ripresa dell’Ucraina – URC2022.

Pubblichiamo il discorso di Ignazio Cassis, presidente della Confederazione svizzera e capo del Dipartimento federale degli affari esteri DFAE

Presidenti
Primo ministro
Ministri
Eccellenze
Signore e signori

È un onore darvi il benvenuto qui a Lugano!
La Svizzera e l’Ucraina hanno collaborato per organizzare questa conferenza. Vorrei ringraziare il presidente Volodymyr Zelenskyy per la sua intensa collaborazione durante i preparativi. Capiamo fin troppo bene perché state seguendo la conferenza da Kiev. Quindi è tanto più importante che l’Ucraina sia rappresentata di persona dal Primo Ministro Denys Shmyhal insieme a una delegazione considerevole. Per questo sono particolarmente grato.

Ciò che unisce tutti noi in questa stanza è il desiderio – in questo momento di orrore, distruzione sfrenata e dolore – di offrire al popolo ucraino la prospettiva di un ritorno a una vita di autodeterminazione, pace e un futuro luminoso. Quella strada è lunga, ma non è mai troppo presto per prepararsi al momento in cui le armi tacciono.

Fino a poco tempo, la prospettiva di una guerra di questa portata sul suolo europeo contro un Paese sovrano, contro le libertà civili fondamentali e contro l’umanità sembrava quasi impossibile. La nostra attenzione si è concentrata su altre questioni urgenti che devono affrontare la comunità internazionale e il pianeta. Ma l’atto di aggressione della Russia contro l’Ucraina ci ha costretti a unirci e ad affrontare questa guerra con tutta la determinazione che possiamo raccogliere e ad impegnarci a sostenere il popolo ucraino, duramente provato, sulla lunga strada verso una ripresa sostenibile.

– In concreto, in una prima fase si vuole elaborare un quadro per un processo di ricostruzione a lungo termine sotto forma di un documento finale, la Dichiarazione di Lugano.

Eccellenze
Signore e signori
Oggi e domani si tratta di gettare le basi per un processo politico efficace e trasparente.

  • Un processo che è inseparabile dal percorso di riforma.
  • Un processo con principi di governance regolamentati.
  • Un processo con criteri chiaramente definiti per la gestione dell’assistenza e per la condivisione dei ruoli tra l’Ucraina, gli Stati, la comunità internazionale, le istituzioni di Bretton Woods e altri, la società civile e i partner privati.
  • E infine, si tratta di “Cosa viene dopo?”. Perché dopo questo, siamo nel lungo periodo.

Naturalmente, queste non sono domande a cui possiamo rispondere in modo definitivo nell’arco di due giorni. Ma ci permette di avere un quadro più chiaro, definire il quadro e impegnarci nel processo e nella nostra partecipazione sottolineati dai principi che vogliamo adottare domani nel quadro della dichiarazione.

Questi Principi di Lugano stabiliscono una prima importante pietra miliare.

Un prerequisito per il successo è che il piano originale della conferenza (incentrato sulle riforme istituzionali) e il piano attuale (incentrato sulla ricostruzione) formino un tutt’uno! Il programma originario delle conferenze annuali sulla riforma dell’Ucraina era a buon punto. Condivido la valutazione secondo cui la resilienza dell’Ucraina è dovuta in gran parte alle riforme che sono state attuate. È fondamentale che questi sforzi continuino instancabilmente, soprattutto nella lotta alla corruzione, migliorando la trasparenza e l’indipendenza della magistratura, e che non siano bloccati dalla guerra. I due pilastri non sono in competizione tra loro: si rafforzano a vicenda!

La ricostruzione dovrebbe dar luogo al recupero. La ristrutturazione sostenibile dell’economia dovrebbe essere guidata dal principio di una migliore ricostruzione e creare le condizioni per la prosperità e mezzi di sussistenza intatti. Anche questi temi verranno discussi qui a Lugano (in vista dell’Ucraina). Le tre “R” – riforma, resilienza e ripresa – formano così un continuum.

Eccellenze
Signore e signori
Vorrei ringraziare tutti voi per aver preso parte a questa conferenza oggi e domani, di persona o tramite collegamento video. Molti di voi si sono presi il tempo di recarsi personalmente a Lugano.

Il premio Nobel Hermann Hesse ha scritto “Dove si incontrano strade amiche, il mondo intero sembra casa per un po’”. Viveva infatti qui vicino con la moglie Ninon, che aveva origini ucraine. Evochiamo quindi lo spirito di Lugano per un convegno di successo. In modo che l’Ucraina possa essere ancora una volta una casa duratura che offre un futuro luminoso per tutti, compresi coloro che sono fuggiti o sono stati sfollati. Grazie!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: