Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Diritti umani, Istituzioni e Diritti

Una delegazione del DFAE e del DFGP ad Addis Abeba per colloqui con Etiopia e Unione africana

Etiopia-Google-Maps

Una delegazione del DFAE e del DFGP ad Addis Abeba per svolgere colloqui politici con l’Etiopia e l’Unione africana.

Il 5 e il 6 settembre 2022 una delegazione congiunta del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) e del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) si è recata nella capitale etiope Addis Abeba per svolgere delle consultazioni politiche. I colloqui si sono concentrati sulle priorità della Strategia Africa subsahariana 2021‒2024 del Consiglio federale, sul conflitto nel Nord dell’Etiopia, sulla cooperazione nel settore della migrazione nonché sulla siccità in corso e sui bisogni umanitari del Paese. La delegazione ha svolto anche dei colloqui con rappresentanti dell’Unione africana (UA).

Considerata la sua importanza per la stabilità politica nella regione e considerato il suo potenziale economico, l’Etiopia rappresenta un partner importante per la Svizzera.  Conformemente a un memorandum d’intesa (Memorandum of Understanding, MoU) in vigore dal 2014, delle consultazioni politiche sono condotte regolarmente. Ad Addis Abeba si è svolto il quinto ciclo di colloqui organizzati secondo questo formato. L’incontro ha permesso di affrontare l’ampio ventaglio di argomenti riguardanti le relazioni bilaterali come pure vari temi multilaterali, anche in vista dell’imminente biennio della Svizzera nel Consiglio di sicurezza dell’ONU. Per quanto concerne il conflitto nel Nord dell’Etiopia, la delegazione ha deplorato la ripresa delle ostilità malgrado gli sviluppi positivi seguiti al cessate il fuoco e ha ribadito l’importanza del diritto internazionale umanitario e della tutela dei diritti umani. Tra i temi al centro dei colloqui ci sono stati anche l’intensificazione delle relazioni economiche e commerciali, il rafforzamento della cooperazione nel settore della migrazione e i notevoli bisogni umanitari nel Paese legati in particolare alla siccità senza precedenti che ha colpito la regione.

Statuto di osservatore presso l’Unione africana (UA)

È nell’interesse della Svizzera che l’Unione africana sia un organismo forte, in grado di dare un contributo significativo alla pace, alla sicurezza e allo sviluppo del continente attraverso il suo lavoro. Dal 2006 la Svizzera ha lo statuto di osservatore presso l’UA e nel 2016 le parti hanno firmato una dichiarazione d’intenti allo scopo di rafforzare la collaborazione negli ambiti della pace e della sicurezza. Nell’ambito della Strategia Africa subsahariana 2021‒2024, la Svizzera persegue l’obiettivo strategico di ampliare ulteriormente questa collaborazione sostenendo così il lavoro dell’UA a favore della pace e della sicurezza. I colloqui bilaterali in presenza di rappresentanti ufficiali di alto livello del Dipartimento per gli affari politici, la pace e la sicurezza e del segretario generale dell’UA hanno riguardato anche l’intensificazione degli scambi tra l’UA e la Svizzera nel contesto del seggio svizzero al Consiglio di sicurezza dell’ONU (2023/2024).

La delegazione svizzera era guidata dall’ambasciatrice Siri Walt, capo della Divisione Africa del DFAE. Alle consultazioni politiche hanno partecipato rappresentanti della Segreteria di Stato del DFAE, della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC), della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) e dell’Ambasciata di Svizzera ad Addis Abeba.

Link:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: