Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Ambiente

Canton Zurigo: un airone cenerino e un pavone con l’influenza aviaria

virus influenza aviaria H5N1

Canton Zurigo: un airone cenerino e un pavone con l’influenza aviaria.

Berna, 17.11.2022 – Nel Canton Zurigo è stato rilevato il virus dell’influenza aviaria H5N1 in un airone cenerino e in un pavone. In collaborazione con le autorità veterinarie cantonali, l’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV) sta preparando le misure di protezione del pollame domestico nell’area interessata. Si tratta del primo caso di influenza aviaria in Svizzera quest’autunno.

Da qualche tempo, il virus dell’influenza aviaria avanza in gran parte d’Europa. Non sorprende, quindi, che la malattia faccia la sua comparsa in Svizzera anche quest’anno: il primo caso rilevato riguarda un airone cenerino e un pavone in un’azienda di detenzione amatoriale nel Comune di Seuzach, nel Canton Zurigo. La sanificazione dell’azienda è in corso. Insieme ai Cantoni interessati, l’USAV sta preparando misure per prevenire al meglio la diffusione dell’epizoozia. Seguiranno ulteriori informazioni.

Evitare il contatto tra uccelli selvatici e pollame domestico

Questa settimana l’USAV ha comunicato le regole di comportamento fondamentali per gli avicoltori.
Eccole qui di seguito:

  • proteggere i luoghi di alimentazione e abbeveraggio dagli uccelli selvatici;
  • rispettare le misure di biosicurezza: prima di entrare nei pollai è fondamentale
  • cambiarsi le scarpe, indossare le tute, lavare e disinfettare le mani;
  • gli animali possono continuare a uscire al pascolo, tuttavia, è necessario essere pronti all’eventualità che l’area d’uscita degli animali dovrà essere coperta o che
  • gli animali dovranno essere chiusi nel pollaio. Controllare le griglie esistenti per verificare la presenza di fori.

Le persone che si imbattono in carcasse di uccelli selvatici sono pregate di non toccarle in via precauzionale e di segnalare il ritrovamento agli organi di polizia o al guardiacaccia.

Dal 1° gennaio 2010 la registrazione delle detenzioni di pollame è obbligatoria. Questo vale anche per gli allevamenti amatoriali con pochi animali. Secondo le attuali conoscenze, il ceppo del virus H5N1 è trasmissibile all’uomo solo in casi estremamente rari e solo in caso di contatto molto stretto.