Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Istituzioni e Diritti

Svizzera: prima analisi della consultazione per la nuova legge sull’Id e.

Svizzera stemma

Svizzera: prima analisi della consultazione per la nuova legge sull’Id e.

Nella seduta del 2 dicembre 2022, il Consiglio federale ha preso atto di una prima analisi dei pareri pervenuti nell’ambito della consultazione concernente la nuova legge sull’Id e. I riscontri sono stati perlopiù positivi. Ora, nell’elaborare il disegno, il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) analizzerà in modo approfondito le proposte formulate in sede di consultazione. L’obiettivo è presentare al Consiglio federale il disegno della nuova legge sull’Id e entro l’estate del 2023.

In occasione della consultazione concernente la nuova legge sull’Id‑e, conclusasi il 20 ottobre 2022, sono stati presentati 118 pareri, la maggioranza dei quali positivi. I partecipanti hanno particolarmente apprezzato la nuova ripartizione dei ruoli secondo cui è lo Stato a emettere il mezzo di identificazione elettronico e a gestire la necessaria infrastruttura di fiducia. In generale auspicano espressamente di poter disporre in tempi rapidi di una soluzione stabile, sicura e di facile utilizzo.

Nell’elaborare il disegno di legge, il DFGP approfondirà e chiarirà i singoli aspetti emersi dalla consultazione. Si tratta in particolare dei temi seguenti: cerchia degli aventi diritto a un Id-e, procedura di emissione, aspetti concernenti la protezione dei dati, usabilità (tra cui l’accessibilità) e servizi cantonali di supporto agli utenti.

Messaggio previsto per l’estate del 2023

Dopo questa approfondita analisi, il DFGP presenterà al Consiglio federale i risultati della consultazione, insieme al disegno di legge e al messaggio, entro l’estate del 2023. Affinché l’Id‑e possa essere introdotto il prima possibile, i preparativi tecnici devono avanzare parallelamente al processo legislativo.