Concezione Paesaggio svizzero: ulteriore sviluppo dei paesaggi svizzeri.

Concezione Paesaggio svizzero: ulteriore sviluppo dei paesaggi svizzeri.

Il 27 maggio 2020, il Consiglio federale ha approvato la versione aggiornata della Concezione Paesaggio svizzero – CPS. La CPS è lo strumento di pianificazione della Confederazione in materia di politica paesaggistica. Questo permette da un lato di armonizzare gli obiettivi di Confederazione, Cantoni e Comuni e, dall’altro, di strutturare piani e progetti in modo che i paesaggi sotto pressione rimangano disponibili – anche in futuro – come spazi abitativi, lavorativi e ricreativi di alta qualità.

I paesaggi svizzeri sono variegati e il nostro Paese ne beneficia in quanto luogo in cui vivere ma anche dal profilo economico: i valori naturali e culturali del paesaggio rappresentano infatti la base per una buona qualità di vita e, allo stesso tempo, il paesaggio costituisce un’importante fonte economica, ad esempio per il turismo. I paesaggi svizzeri sono tuttavia sotto pressione. Sempre più elementi paesaggistici tipici a livello regionale come pure spazi vitali naturali per la flora e la fauna scompaiono. Per contrastare questa perdita, la CPS aggiornata definisce obiettivi vincolanti finalizzati a uno sviluppo qualitativo del paesaggio inteso quale zona residenziale e lavorativa ma anche quale spazio destinato allo svago.

Il 27 maggio 2020 il Consiglio federale ha approvato la CPS aggiornata, che tiene conto delle nuove esigenze politiche, economiche e sociali (cfr. riquadro). La CPS persegue obiettivi diversi quali la densificazione qualitativa degli insediamenti, l’esecuzione accurata di interventi nel paesaggio, la promozione della diversità paesaggistica e la valorizzazione delle peculiarità paesaggistische regionali.

Insieme per una Svizzera variegata e attrattiva.

Con la CPS la Confederazione mostra in che modo intende orientare a un uso parsimonioso e alla qualità del paesaggio le sue attività edilizie e pianificatorie, le sue prestazioni finanziarie o le autorizzazioni. La CPS aggiornata si concentra ad esempio sugli insediamenti, i quali devono tenere contro dei cambiamenti climatici. La presenza di spazi liberi verdi e ben conservati, di specchi d’acqua, alberi e boschi urbani, come pure di superfici non impermeabilizzate, tetti e facciate vegetalizzati assumono sempre maggiore importanza e consentono la permanenza negli agglomerati urbani anche a temperature sempre più elevate.

L’aggiornamento della CPS è il frutto di un’ampia collaborazione che ha incluso tutti i servizi federali con compiti attinenti al paesaggio, i rappresentanti dei Cantoni come pure attori del settore della ricerca, dell’applicazione pratica e delle organizzazioni. In quest’ottica, anche l’attuazione degli obiettivi e la realizzazione delle misure dovrebbero avvenire in base a un continuo dialogo fra partner. In tal modo, la CPS può sostenere le autorità, le istituzioni e le organizzazioni coinvolte nella gestione del paesaggio per conservarne e svilupparne le qualità.

Strategia paesaggistica esemplare.

La Concezione Paesaggio svizzero – CPS adottata dal Consiglio federale si fonda sull’articolo 13 della legge sulla pianificazione del territorio. La prima edizione della CPS risale al 1997. L’edizione aggiornata attualizza gli obiettivi vincolanti per le autorità. Oltre 20 anni fa, la CPS aveva rappresentato una pietra miliare della politica del paesaggio armonizzata fra Confederazione e Cantoni, la quale ha consentito di integrare l’obiettivo di un paesaggio di qualità elevata nelle attività pianificatorie delle autorità e nello sviluppo ulteriore delle leggi.

Link Consiglio Federale Svizzero.

Lascia un commento