Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Coronavirus - Covid19

Pandemia di coronavirus: 560.000 giorni di servizio della Protezione Civile

Protezione-Civile-Coronavirus-Mediathek-Svizzera

Pandemia di coronavirus: 560.000 giorni di servizio della PCi.

Il 31 marzo 2022 giungerà al termine la terza mobilitazione della protezione civile, chiamata in servizio dal Consiglio federale il 10 dicembre 2021 allo scopo di far fronte alla pandemia di COVID-19. In questa terza mobilitazione, la protezione civile ha prestato 26.000 giorni di servizio, in particolare a sostegno del settore sanitario. Per la più grande e lunga mobilitazione della sua storia, la protezione civile ha registrato un totale di 560’000 giorni di servizio dal febbraio 2020, prestati da 41.000 militi.

Nell’autunno 2021, il numero di casi di COVID-19 è aumentato in tutte le fasce d’età e in tutti i Cantoni. Anche i ricoveri di pazienti affetti da COVID-19 e l’occupazione di letti in unità di terapia intensiva sono aumentati. I Cantoni hanno riscontrato un’esigenza crescente di sostegno nel settore sanitario e quindi hanno di nuovo fatto maggiore ricorso alla protezione civile. Per questo motivo, il 10 dicembre 2021 il Consiglio federale ha deciso di chiamare in servizio i militi della protezione civile per un terzo intervento nazionale.

La protezione civile è stata impiegata principalmente a sostegno della campagna di vaccinazione e del sistema sanitario, in particolare nelle cure di base e nella logistica. Nel rispetto del principio di sussidiarietà, la protezione civile è stata impiegata solo quando le istituzioni interessate non erano più in grado di gestire i loro compiti con le proprie risorse e per colmare temporanee carenze di personale. Considerata l’evoluzione della pandemia e della sua gestione, nel 2022 la necessità di sostegno è notevolmente diminuita. Alla fine di marzo 2022, nell’ambito di questo terzo mandato del Consiglio federale, 2.400 militi della protezione civile avevano prestato circa 26.000 giorni di servizio.

Operativa dal febbraio 2020

La protezione civile era già entrata in azione per far fronte alla pandemia nel febbraio del 2020. Durante il primo mandato ha sostenuto principalmente il personale sanitario e infermieristico negli ospedali e nelle case di riposo e di cura in compiti come l’assistenza, il triage e il controllo degli accessi o la pulizia e la disinfezione. La protezione civile, inoltre, ha allestito ospedali di emergenza e centri di test COVID-19, ha sostenuto il tracciamento dei contatti e le hot line per la popolazione e ha fornito servizi di trasporto e logistica.

Durante il secondo mandato, molti Cantoni hanno impiegato la protezione civile per realizzare e gestire i centri di test e di vaccinazione e nelle squadre mobili di vaccinazione. Alcuni Cantoni hanno istruito i militi della protezione civile affinché effettuassero essi stessi le vaccinazioni.

Tre chiamate in servizio per complessivi 41.000 militi

Nel 2020, per far fronte alla pandemia di COVID-19, 27.000 militi della protezione civile hanno prestato 365.000 giorni di servizio. Nella seconda chiamata in servizio del Consiglio federale, conclusasi a ottobre del 2021, 12.000 militi della protezione civile hanno prestato altri 167.000 giorni di servizio. Nel 2022, sono stati nuovamente impiegati 2.400 militi per altri 26.000 giorni di servizio. Da febbraio 2020 a fine marzo 2022, quindi, circa 41.000 militi della protezione civile hanno prestato un totale di 560.000 giorni di servizio.

Immagine: Impiego della Protezione Civile durante la pandemia Coronavirus, cortesia Mediathek Confederazione svizzera.

Link: Emergenza coronavirus e protezione della popolazione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: