Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Ambiente

Ucraina: il Consiglio federale aumenta i fondi per il programma d’azione SvizzeraEnergia

mappa Svizzera Google Maps

Ucraina: il Consiglio federale aumenta i fondi per il programma d’azione SvizzeraEnergia.

Nella sua seduta del 3 giugno 2022 il Consiglio federale ha deciso di incrementare le risorse finanziarie destinate al programma d’azione SvizzeraEnergia a partire dal 2023. I fondi aggiuntivi saranno destinati a quattro nuovi programmi di promozione, adottati dal Parlamento alla fine del 2021 per accelerare la transizione energetica. Essi serviranno anche al finanziamento di due nuovi programmi volti a sostenere i Comuni nella pianificazione di impianti fotovoltaici sugli edifici comunali e di stazioni di ricarica elettrica. Il DATEC ha lanciato questi ultimi due programmi in risposta alla guerra in Ucraina e al suo impatto sulla sicurezza dell’approvvigionamento energetico.

I quattro programmi aggiuntivi commissionati dal Parlamento comprendono:
  1. una prima consulenza gratuita, possibile dal 1° aprile 2022, per la sostituzione degli impianti di riscaldamento. Questa prima consulenza mostra ai proprietari di immobili le opzioni disponibili per un sistema di riscaldamento rinnovabile efficiente adatto al loro edificio nonché i costi e la riduzione delle emissioni di CO2 associati;
  2. il programma di consulenza sulla roadmap per la decarbonizzazione dell’industria, ancora in fase di elaborazione insieme ad alcune organizzazioni dell’economia. Esso prevede a partire dal 2023 una consulenza specialistica e un supporto per le imprese, che permettano loro di sviluppare e implementare una tabella di marcia individuale per la decarbonizzazione;
  3. il programma per l’introduzione di tecnologie volte a sostenere la decarbonizzazione dell’industria, che promuove, sempre a partire dal 2023, l’introduzione sul mercato di nuove tecnologie a elevata efficienza energetica. Esso promuove un numero limitato di applicazioni esemplari di tali tecnologie allo scopo di raggiungere una loro rapida accettazione sul mercato;
  4. il programma volto a contrastare la mancanza di specialisti, che affronta la sfida di garantire un numero sufficiente di personale qualificato per la trasformazione del sistema energetico svizzero. Nel gennaio del 2022 SvizzeraEnergia ha già lanciato, insieme agli addetti ai lavori, un’offensiva formativa per il settore degli edifici. I fondi aggiuntivi verranno utilizzati per combattere, insieme ad altri settori, la carenza di lavoratori qualificati attraverso adeguate misure di formazione e perfezionamento.

Due ulteriori nuovi programmi di finanziamento a breve termine rivolti ai Comuni sosterranno questi ultimi nella pianificazione degli impianti fotovoltaici e dell’infrastruttura per la ricarica elettrica. Entrambi i programmi sono stati lanciati dal DATEC all’inizio di maggio 2022 in risposta alla guerra in Ucraina e al suo impatto sulla sicurezza dell’approvvigionamento energetico. L’attuazione e il sostegno finanziario ai Comuni sono limitati al 2023.

In seguito all’aumento deciso dal Consiglio federale, i sussidi dell’Ufficio federale dell’energia provenienti dal programma SvizzeraEnergia saranno aumentati di 15,65 milioni di franchi nel 2023, 11,35 milioni di franchi nel 2024 e 0,7 milioni di franchi ciascuno nel 2025 e nel 2026 (per il programma volto a contrastare la mancanza di specialisti). Nel 2025 dovrebbe entrare in vigore il controprogetto indiretto all’Iniziativa per i ghiacciai. A partire da quel momento, i programmi programmi di promozione della prima consulenza per la sostituzione del riscaldamento e la decarbonizzazione dell’industria saranno finanziati attraverso questo.

Immagine: mappa della Svizzera, cortesia Google Maps.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: