Il Ministero pubblico della Confederazione promuove l’accusa per abuso di informazioni privilegiate.

Il Ministero pubblico della Confederazione promuove l’accusa per abuso di informazioni privilegiate.

Berna, 27.08.2020 – Il Ministero pubblico della Confederazione ha promosso l’accusa contro due imputati per rivelazione, ovvero per lo sfruttamento di segreti commerciali, spionaggio economico e corruzione di privati. Contro uno dei due imputati l’accusa è pure di sfruttamento di informazioni privilegiate.

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) accusa Hans Ziegler, uno dei due imputati, di violazione del segreto di fabbrica o commerciale plurimo (art. 162 cpv. 1 Codice penale svizzero [CP] e art. 6 in relazione con l’art. 23 della Legge federale contro la concorrenza sleale [LCSI])*, di spionaggio economico plurimo, quale caso grave (art. 273 CP), per essersi lasciato corrompere (art. 322novies cpv. 1 CP e art. 4a cpv. 1 lett. b in relazione con l’art. 23 LCSI)*, nonché dello sfruttamento di informazioni privilegiate plurimo (vecchio art. 40 Legge sulle borse [LBVM] / art. 154 cpv. 1 Legge sull’infrastruttura finanziaria [LInFi])*.

Il secondo imputato è accusato dal MPC dello sfruttamento plurimo di segreti di fabbricazione e commerciali (art. 162 cpv. 2 CP e art. 6 in relazione con l’art. 23 LCSI)* nonché di avere realizzato la fattispecie penale dello spionaggio economico (art. 273 CP) plurimo e la fattispecie della corruzione (art. 322octies CP e art. 4a cpv. 1 lett. b in relazione con l’art. 23 LCSI)*.

Presunti reati.

Nell’aprile 2016, sulla base di una denuncia dell’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari FINMA, il MPC ha aperto un procedimento penale contro Hans Ziegler per sospetto sfruttamento di informazioni privilegiate. Dopo avere constatato nuovi fatti, nel luglio 2017 il procedimento penale è stato ampliato al secondo imputato, nonché alla fattispecie della violazione del segreto di fabbrica o commerciale e alla fattispecie della corruzione di privati.

Dopo l’autorizzazione al perseguimento penale da parte del Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP, nel maggio 2018 il MPC ha ampliato il procedimento penale contro entrambi gli imputati anche per la fattispecie dello spionaggio economico. Tale fattispecie viene perseguita quando un segreto di fabbrica o commerciale viene reso accessibile tra gli altri ad un’impresa privata estera o ai suoi agenti.

Il MPC promuove l’accusa poiché Hans Ziegler, in quanto consigliere di amministrazione di una società, nel periodo tra la fine del 2013 e il novembre 2016, avrebbe confidato ripetutamente segreti commerciali al secondo imputato che non era autorizzato a divulgare. Tale accusa si configura soprattutto in relazione alla vendita di una società affiliata straniera ad una società interessata all’acquisto anch’essa straniera, della quale il secondo imputato era consulente. L’accusa relativa alla corruzione si motiva in quanto Hans Ziegler, dopo la conclusione della transazione di vendita, per l’avvenuta rivelazione di segreti commerciali avrebbe richiesto un indennizzo previsto pari ad un importo di CHF 150’000, importo che avrebbe pure accettato attraverso una società di sua proprietà.

Inoltre, l’accusa nei confronti di Hans Ziegler è che, in qualità di consigliere di amministrazione di quattro società quotate in borsa e di Senior Advisor di due società di consulenza, avrebbe ripetutamente sfruttato per operazioni commerciali su titoli informazioni privilegiate di un totale di undici società. In tal modo avrebbe realizzato per sé e per due persone giuridiche a lui attribuibili un utile di poco meno di CHF 2 milioni.

Contro il secondo imputato il MPC ha promosso l’accusa perché quest’ultimo, tra la fine del 2013 e il novembre 2016, avrebbe ripetutamente sfruttato i segreti commerciali confidatigli da Hans Ziegler per la propria attività. L’accusa di spionaggio economico si motiva con il fatto che egli avrebbe ripetutamente reso accessibili a terzi all’estero, a sua discrezione, segreti di due società per un ulteriore utilizzo. L’accusa di corruzione si basa sul fatto che avrebbe promesso a Hans Ziegler i summenzionati CHF 150’000 per i segreti commerciali ricevuti, disponendo poi il rispettivo pagamento.

Indicazioni relative alla promozione dell’accusa.

Il MPC presenterà le sue richieste dinanzi al Tribunale penale federale (TPF) in occasione del dibattimento. Per gli imputati vale il principio della presunzione d’innocenza fino al momento di una sentenza passata in giudicato. Una volta che l’accusa sarà stata promossa, sarà il TPF ad essere competente per altre informazioni.

* Indicazioni relative alle basi giuridiche:

Violazione del segreto di fabbrica o commerciale: il perseguimento della rivelazione e dello sfruttamento di segreti di fabbrica o commerciali ai sensi dell’art. 162 del Codice penale e dell’art. 4a cpv. 1 lett. b, in relazione con l’art. 23 LCSI ha luogo solo su querela penale della persona lesa.

Spionaggio economico: il perseguimento penale per aver reso accessibile un segreto di fabbricazione o di affari ad un organismo ufficiale o privato dell’estero, ovvero ad un’impresa od organizzazione privata estera, o ai loro agenti ai sensi dell’art. 273 CP ha luogo d’ufficio e richiede l’autorizzazione del Consiglio federale ai sensi dell’art. 66 cpv. 1 della Legge federale sull’organizzazione delle autorità penali della Confederazione LOAP.

Corruzione di privati: la corruzione di privati viene perseguita ai sensi dell’art. 4a cpv. 1 LCSI in relazione con l’articolo 4a cpv. 1 LCSI e dell’art. 23 LCSI su querela, se il reato è stato commesso prima del 1° luglio 2016. Gli atti commessi dopo il 1° luglio 2016 vengono perseguiti d’ufficio ai sensi dell’art. 322octies e 322novies CP.

Sfruttamento di informazioni privilegiate: per gli atti commessi tra il 1° maggio 2013 e la fine del 2015, la base giuridica applicabile è il vecchio art. 40 della LBVM; per gli atti commessi dopo il 1° gennaio 2016, la base giuridica applicabile è l’art. 154 della LInFi.

Link Consiglio Federale Svizzero.

Lascia un commento