Cultura, arte, economia, scienza, ambiente, religione, sport, salute

Istituzioni e Diritti

Il presidente Cassis: Osa innovare, osa anticipare!

Consigliere Federale Ignazio Cassis

Osa innovare, osa anticipare! Il presidente Cassis alla conferenza degli ambasciatori 2022.

Pontresina, 22.08.2022 – Allocuzione di apertura del Presidente della Confederazione e capo del Dipartimento federale degli affari esteri – DFAE, Ignazio Cassis, in occasione della conferenza degli ambasciatori 2022 – Fa fede la versione orale.

Signora Segretaria di Stato, cara Livia
Signor Segretario generale, caro Markus
Signore Ambasciatrici, Signori Ambasciatori
Cari addetti alla difesa
Cari collaboratori e ospiti
Signore e signori

«Oser innover»! Con questo motto ho aperto la conferenza degli ambasciatori il 26 agosto 2019. Oggi, solo tre anni dopo, non viviamo più nello stesso mondo. Diverse crisi si sovrappongono: pandemia, guerra, clima, rischi per la sicurezza, mezzi di sussistenza traballanti. Questo scuote le nostre certezze di sicurezza, libertà e indipendenza.

La parola “cambiamento di tempo” sta facendo il giro. Si divide in un prima e un dopo. E giustamente: siamo alla fine di un ciclo di presunta stabilità e all’inizio di uno sconvolgimento i cui contorni non sono ancora chiari.

L’unica cosa chiara è che le sfide simultanee si moltiplicano:

  • La pandemia ha portato al debito in tutto il mondo e questo all’inflazione,
  • una brutale guerra di aggressione contro un paese sovrano mina le regole fondamentali del mondo,
  • l’estorsione con gas e grano come arma di guerra provoca disordini,
  • le crisi energetiche e alimentari incombono su vaste aree geografiche,
  • l’architettura di sicurezza europea sta affrontando delle riforme;

E ciò sullo sfondo di altre grandi questioni come demografia, urbanizzazione, migrazione, inasprimento geopolitico, ulteriori minacce di guerra, cambiamento climatico, blocchi economici o scarsità di risorse.

La politica estera sta diventando più importante!

Cosa significa questo per noi? Significa che la politica estera diventa ancora più importante. Gli Stati possono risolvere molti problemi vitali solo se lavorano insieme. Man mano che il mondo diventa più duro, dobbiamo identificare i nostri problemi in modo più preciso.

Dobbiamo trovare i partner giusti. Anche il sostegno alla politica interna – in breve, la politica interna – sta diventando sempre più importante.
La nostra politica estera non dovrebbe basarsi principalmente a New York, ma in Svizzera.

Nella fase di sconvolgimento non basta più individuare i problemi attuali. Devi guardare avanti e chiederti: Quali nuove sfide stiamo affrontando? L’approccio attivo per affrontare sfide complesse è un buon motivo per tornare al motto del 2019: oser innover!

Le persone reagiscono alle crisi in due modi:

  • Si ritirano e sperano che la crisi passi.
  • Oppure uniscono le forze e affrontano i problemi a testa alta.

Oser innover è una ricetta per il secondo modo. L’innovazione è l’introduzione di nuovi approcci. Innovazione significa cambiare l’ordine stabilito per fare cose nuove in modi nuovi.

Come ho detto, questa è una ricetta. Ma non l’unico. L’innovazione da sola non basta, perché queste molteplici crisi creano un’urgenza che deve essere anticipata.

  • Anticipare è la chiave per non essere colti di sorpresa, per schivare i colpi, per essere preparati a reagire.
  • Anticipare significa riconoscere, valutare, classificare.
  • L’anticipazione precede e canalizza l’innovazione.

Per questo motivo ho aggiunto al titolo del discorso del 2019 il termine lungimirante di anticipazione e ho sostituito l’infinito con l’imperativo. Con un punto esclamativo.

«Osez innover, osez anticiper!» Quattro parole: una massima per l’azione. Perchè sono così importanti? Mille parole si perdono nel rumore. Un motto, invece, può guidarci.

Diversità

Qui in questa stanza siamo ben 200 persone. Se le nostre conoscenze fossero combinate in un’unica “somma di conoscenze”, si tradurrebbe in un vero e proprio scrigno di conoscenze, un’enciclopedia impressionante.

Naturalmente, però, questo tesoro sarebbe frammentato: Vicino a ogni singola realtà della vita, questa conoscenza è concreta, rilevante e ben vigile. Ma con l’aumentare della distanza, la conoscenza diventa più astratta e meno vincolante.

Molti di noi vivono in Svizzera da anni, come me, per esempio. La maggior parte ha trascorso la propria vita al servizio del paese per molti anni in diversi angoli del mondo. La cultura locale – con le sue emozioni – plasma. La prospettiva cambia.

Di conseguenza, tutti noi vediamo in modo diverso una particolare situazione politica. Ricordiamo la parabola “I ciechi e l’elefante”:

Un gruppo di ciechi deve descrivere uno strano nuovo animale che era arrivato in città: un elefante. Ognuno esamina una parte diversa del corpo: le zanne, le gambe, le orecchie. Ergo, ognuno descrive l’elefante in modo diverso.

Soggettivamente, ogni descrizione è corretta. Ma oggettivamente sono incompleti; che, tuttavia, sfugge alle percezioni individuali. Quindi la realtà è diversa a seconda del tuo punto di vista. In altre parole: ci sono verità diverse. E soprattutto, dipende dalla visione d’insieme.

La diversità di vedute è fonte di ricchezza quando siamo aperti a mettere in discussione le nostre certezze. La Svizzera come “terra di differenze e prospettive unite” esiste solo se facciamo questo sforzo. Questo è ciò che si intende quando il preambolo della Costituzione federale richiede che ci impegniamo a vivere uniti, con considerazione reciproca e rispetto per la nostra diversità.

Garantire e vivere i vari aspetti della diversità all’interno del dipartimento è molto importante per noi. È quindi compito del nostro nuovo responsabile delle pari opportunità. La incontrerai questo pomeriggio.

Anticipazione

Soprattutto in un momento di crisi globale, quando nulla sembra più certo, la nostra diversità dovrebbe servire a riconoscere il tutto, trarre da esso le giuste conclusioni e prepararci.

Qui sta il segreto dell’anticipazione: comprendere la diversità come fonte di ispirazione, come sfida costante alle nostre certezze. Ecco perché ho fatto della coltivazione del pensiero critico un argomento di seminario. Ed è per questo che sono grato a tutti coloro che pensano per scenari e lavorano con varianti.

Flessibilità mentale
  • ci permette di ridefinire costantemente i valori costituzionali di libertà, giustizia, democrazia, prosperità, solidarietà e indipendenza;
  • ci permette di stare al passo con le dinamiche dei tempi;
  • e ci permette di farlo da una prospettiva d’insieme.

“La misura dell’intelligenza è la capacità di cambiare quando necessario”, ha detto Albert Einstein. E non preoccuparti se a qualcuno non piace e ti chiama torcicollo. L’apprendimento non è segno di volubilità ma di intelligenza.

L’anticipazione è un metodo di preparazione, non una prognosi infallibile. Anticipare significa fornire opzioni. O con Benjamin Franklin: «Non riuscire a prepararsi… è prepararsi a fallire».

L’anticipazione è stata anche il filo conduttore della sessione a porte chiuse che ho condotto con i membri della direzione del dipartimento il 4 maggio. Insieme abbiamo discusso di come modificare i metodi di lavoro nel DFAE per anticipare di più e meglio. Sicuramente siete stati informati dai vostri superiori sulle misure necessarie da prendere.

In una crisi, è necessario stabilire le priorità e concentrare le risorse su di esse. Altre attività devono essere sospese, almeno temporaneamente. Il cambiamento è difficile in qualsiasi grande organizzazione. Ma ti chiedo di farlo! Stabilire alcune priorità chiare, distinguendo tra il “must have” e il “bello da avere”. Durante la crisi del Covid hanno dimostrato che possono. Fallo ancora! E fallo con i tuoi manager in modo che ci sia un approccio coerente. Anche quest’anno abbiamo dimostrato di poter innovare e anticipare:

Esempio 1: Conferenza sull’Ucraina

L’attesa è stata messa alla prova al convegno di Lugano sulla ricostruzione dell’Ucraina.

“Ma cosa?” I critici cantavano all’unisono. “In vista della guerra, non ha senso parlare di ricostruzione!”. No non era! Era importante non solo ascoltare unilateralmente le voci negative, ma anche la diversità delle opinioni, in patria e all’estero.

Ci voleva coraggio per sfidare l’ignoto. Il coraggio di concentrare il convegno, originariamente programmato diversamente, su nuovi obiettivi. Il coraggio di pensare a dopodomani. Il coraggio di correre i rischi necessari.

Quello era un lavoro di squadra. Quindi oggi è il momento di ringraziare tutti coloro che con me hanno creduto in questo progetto, nonostante gli ostacoli, nonostante le critiche, nonostante le sfide che l’Ucraina stava affrontando.

Vorrei anche ringraziare il presidente Zelensky e il primo ministro Shmyhal e il loro intero team per aver creduto nel progetto e averlo reso realtà con noi. Possiamo solo ringraziare questo paese dilaniato dalla guerra per avere la forza di aiutare a organizzare questa conferenza.

Esempio 2: neutralità

La ripresa delle sanzioni contro la Russia ha richiesto una riflessione fondamentale sulla politica della neutralità – come è avvenuto nelle precedenti crisi di sicurezza.

Non – come abbiamo sentito spesso – perché la posizione della Svizzera non è più compresa all’estero. Ma perché questa guerra di aggressione mostra che in un ambiente internazionale multipolare sorgono questioni fondamentali, persino vitali, che uno Stato non può risolvere da solo.

Perché anche la sovranità di una nazione sul suolo europeo non è più intangibile. E perché si tratta di difendere valori e principi fondamentali del diritto internazionale e del diritto umanitario, che per noi hanno anche un’importanza esistenziale.

Naturalmente preserviamo il diritto alla neutralità nella sua interezza. La Svizzera è e rimane un paese neutrale. Ma una politica di neutralità eccessivamente restrittiva non deve diventare un ostacolo nell’attuale contesto geopolitico. Dobbiamo avere spazio di manovra – nel nostro stesso interesse e per poter contribuire al mantenimento della pace. Questo è ciò che mi ha portato alla nozione di “neutralità cooperativa”.

Il qualificatore “cooperativa” è qui più di un aggettivo, più di una semplice precisione. Questo qualificatore traduce una posizione. Diventa così un punto di riferimento per la politica estera e di sicurezza.

Sicurezza, istruzione, economia, energia e altri aspetti della politica richiedono una stretta collaborazione. Altrimenti rischiamo di perdere la barca. Presto vedremo cosa ne pensa il Consiglio federale. In ogni caso, la discussione auspicata è stata avviata. E il nostro rapporto sulla neutralità fornisce un’ottima base per le decisioni da prendere. Anche qui bisogna essere proattivi!

Esempio 3: aiuti umanitari

Gli aiuti umanitari di emergenza sono sempre una corsa contro il tempo. Tali crisi hanno punti in comune: I bisogni di informazione si confrontano con la mancanza di informazioni, la sicurezza è un grande punto interrogativo. Come possiamo anticipare una situazione del genere?

Riguarda

  • raccogliere e condividere informazioni,
  • valutare la situazione,
  • identificare i problemi,
  • sviluppare possibili soluzioni e
  • prendere decisioni.

Ma come concretamente, seguendo l’esempio dell’Ucraina?

Priorità numero 1: avere occhi e orecchie sul posto. Tre giorni dopo l’inizio dell’offensiva russa, l’Aiuto Umanitario aveva già inviato in Polonia una squadra di esperti del CSA. Il primo carico di materiali di soccorso è arrivato cinque giorni dopo in Ucraina. Sono state consegnate più di 5.300 tonnellate di materiale di soccorso e più di 70 membri del CSA sono sul posto.

Questa missione di aiuto umanitario di durata e complessità senza precedenti è stata possibile grazie ai seguenti fattori:

  • priorità assoluta data alla sicurezza del personale,
  • utilizzo ottimale delle nostre risorse esterne, in particolare del personale locale,
  • analisi della situazione con le organizzazioni partner (come il CICR),
  • intervento delle persone giuste al posto giusto, in Polonia e Moldova.

Le prime missioni a breve termine sono state effettuate nell’Ucraina occidentale, per avere un’idea della situazione, dei partner presenti e dei bisogni. In secondo luogo, è stato aperto un ufficio umanitario a Leopoli. Da quando la rappresentanza a Kiev è stata riaperta, sono in corso progetti a medio termine. Il principio è procedere per gradi: guardare al futuro. Vale a dire: anticipare.

Esempio 4: GESDA – Anticipatore della scienza e della diplomazia di Ginevra

Qui la parola anticipazione è anche nel titolo – e il titolo dice tutto! La Fondazione GESDA è stata istituita per rendere la Ginevra internazionale adatta al 21° secolo. Anticipa le sfide tecnologiche e mette in discussione l’ordine esistente. In questo caso, anticipazione significa massimizzare i benefici per le persone riducendo al minimo i rischi. GESDA ha il mandato

  • con concentrato potere scientifico,
  • con competenza diplomatica
  • e con visiera aperta
  • utilizzare il futuro per plasmare il presente.

È un progetto che ho intrapreso nelle sue fasi iniziali quando sono entrato a far parte del DFAE quasi cinque anni fa e in cui credo molto. La fondazione è sopravvissuta bene alla sua fase pilota triennale e il Consiglio federale ha recentemente prorogato il programma per altri 10 anni. Vorrei dirvi di più in merito, ma non ve lo dico a questo punto, perché venerdì prossimo GESDA vi porterà tutti in un’incursione nel futuro tra 5, 10 e 25 anni. Un futuro in cui uomo e macchina non possono più essere nettamente separati.

Esempio 5: Consiglio di sicurezza dell’ONU

Il motto «osez innover, osez anticiper!» sarà rilevante anche per noi nel Consiglio di sicurezza dell’ONU, al quale la Svizzera è stata eletta il 9 giugno. Ci stiamo unendo a questo importante organismo in un momento geostrategicamente estremamente difficile. Vale quanto segue: più il mondo è duro, più importante è il nostro compito nel Consiglio di sicurezza.

Ho menzionato la spirale: pandemie, guerre, cambiamenti climatici, carenza di energia, blocchi, debito e inflazione hanno infranto così tante prospettive.
Nemmeno le regole mondiali concordate in base al diritto internazionale possono essere invocate. E il multilateralismo, che è così importante per risolvere i problemi generali, si sta logorando come una macchia d’inchiostro sulla carta assorbente per pura diversità incompresa.

Difendiamo le priorità. L’ONU non deve fare tutto ciò che potrebbero fare gli stati.
Il multilateralismo mirato significa che il livello superiore è sempre più limitato a questioni esistenziali prioritarie. Sulle regole concordate nel diritto internazionale che devono applicarsi universalmente. Sui rischi geopolitici più urgenti e non risolvibili unilateralmente. Anche qui vale «osez innover, osez anticiper»!

Esempio 6: AVVISO Revisione 22

Dopo l’attacco all’Ucraina, ho incaricato il personale della Divisione di pianificazione delle politiche di eseguire una “gap analysis” dell’AVIS 2028. Con il mondo che non è più lo stesso del 2018, dobbiamo chiederci se il contenuto del rapporto AVIS rimane rilevante.

Il processo è in corso, con una forte partecipazione dell’intero DFAE. Questo ci consentirà di aggiornare le basi per avviare il prossimo ciclo strategico, con la nuova strategia di politica estera.

Esempio 7: UE

Infine, impossibile non citare il progetto, che ci occupa da più di un decennio: le nostre relazioni con l’UE. Il Consiglio federale ha deciso in febbraio e giugno gli obiettivi di un accordo con l’UE e la strada da seguire. Stiamo attuando questi mandati.

Se, dopo i successi dell’elezione del Consiglio di sicurezza dell’ONU e della conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina, riusciremo a consolidare a lungo termine le relazioni con l’UE, il nostro dipartimento avrà dimostrato ancora una volta più di quanto possiamo contare sulla nostra diplomazia .

Tuttavia, il percorso è disseminato di insidie ​​e, in questo dossier in particolare, dobbiamo essere veramente innovativi. Perché i freni non mancano. Il dogmatismo e l’allineamento con le posizioni passate possono impedire a entrambe le parti di andare avanti.

Dobbiamo innovare imparando dagli errori del passato e anticipare con uno spirito lungimirante, assicurando una buona preparazione a tempo debito ai vari livelli. La cooperazione con l’UE durante la crisi pandemica e nel contesto della guerra in Ucraina è un buon esempio degli stretti legami instaurati con l’UE e i paesi vicini.

Non vedo l’ora di discutere ulteriormente di questo problema con gli ambasciatori interessati durante la sessione speciale.

Conclusione

Cari signori e signore
Cari colleghi

I problemi non scompaiono da soli, bisogna riconoscerli, disegnare nuove strade, avere il coraggio di puntare sui punti caldi:

  • con intelligenza,
  • con forza di volontà,
  • con il lavoro di squadra.

Depuis mon arrivée à la tête du Département, vous m’entendez parler de l’importance de One-EDA et de l’action commune du “Team Switzerland”. Cette notion d’équipe est importante pour moi. Une équipe est celle qui joue ensemble et sous le meme drapeau. One-EDA significa anche reclutatore del profilo variés, assicurar la perméabilité au be du Département, soigner une identité commune.

Il patrimonio di conoscenze che incarni qui merita di essere sfruttato appieno. A vantaggio della politica estera ea vantaggio della politica interna.

Il ruolo della Svizzera sulla scena internazionale deve essere compreso e sostenuto a livello nazionale – dalle istituzioni democratiche, dal Parlamento e dai Cantoni. E dal pubblico.

È il nostro compito

  • interessarsi a tutta la gamma di opinioni;
  • combinare ciò che è possibile con ciò che è fattibile in caso di obiettivi contrastanti;
  • spiegare continuamente vantaggi e svantaggi;
  • spiegare ponderazioni e conclusioni;
  • e quindi creare fiducia.

Spesso percorriamo una linea sottile tra strapiombi a destra e a sinistra. Mantenere l’equilibrio richiede concentrazione e forza.

Le cadute fanno parte del rischio.

Ma la nostra forza è che possiamo sempre rialzarci. Lo chiedo a me stesso, ogni giorno. Me lo aspetto da tutti voi, ora più che mai! Vi ringrazio per quello che state facendo e vi ringrazio ancora di più per quello che farete in futuro: essere innovativi e lungimiranti, con un occhio al tutto, al servizio del nostro Paese!

Con questo in mente, dichiaro aperta la Conferenza degli Ambasciatori 2022.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: